Cerca
Close this search box.

Per i lavoratori Usa ChatGpt non avrà un grande impatto. Ma le aziende credono nell’AI

chatgpt ai intelligenza artificiale chatgpt plus

Nonostante tutti i discorsi sull’impatto di ChatGPT e simili, pochi americani pensano che i chatbot avranno un grande impatto sul loro lavoro. Una nuova ricerca Pew suggerisce che solo il 24% degli adulti statunitensi ha anche solo sentito parlare di ChatGPT e solo il 19% di queste persone pensa che i propri ruoli affrontino sconvolgimenti nei prossimi anni.

Questo non vuol dire che le persone che hanno sentito parlare del grande modello linguistico di OpenAI non pensino che avrà un impatto: la ricerca, condotta a fine luglio, mostra che più della metà di questi ultimi vede grandi cambiamenti in arrivo per ingegneri del software, grafici e giornalisti. Semplicemente non tendono a pensare che saranno così pesantemente colpiti nel prossimo futuro, con il 36% che prevede un impatto minore nei prossimi due decenni e il 27% che non prevede alcun impatto.

Queste persone possono o non possono avere ragione, ma i chatbot continuano a dilagare nella vita lavorativa. OpenAI ha annunciato ChatGPT Enterprise, mettendosi in competizione con il crescente portafoglio di offerte aziendali basate su ChatGPT del grande partner-patrono dell’azienda, Microsoft.

I vantaggi rispetto a ChatGPT standard sono discutibili – la differenza più notevole sembra essere che ChatGPT Enterprise non consente al modello di utilizzare le conversazioni come foraggio di formazione – ma OpenAI afferma che  i leader aziendali stanno chiedendo a gran voce di utilizzare il chatbot, con oltre l’80% delle aziende Fortune 500 che lo stanno già adottando in una certa misura.

Google ha intanto annunciato una serie di nuove funzionalità di AI aziendale al suo evento Cloud Next, citando vantaggi per grandi clienti come L’Oréal e GM. Gli annunci riguardano tutto, da Meet e Chat a Gmail e Documenti, quindi questo avrà sicuramente un impatto significativo su molti lavoratori.

Nel frattempo, Pew ha anche riferito che gli americani sono sempre più preoccupati e meno entusiasti del ruolo crescente dell’AI nella vita quotidiana. Lo scorso dicembre, il 38% ha dichiarato di sentirsi così, praticamente in linea con l’anno precedente, ma in un sondaggio condotto tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, la percentuale era salita al 52%.

È normale che i timori dell’AI crescano quando gli esperti continuano a dire quanto sia pericolosa la tecnologia. Ma ciò non significa che tali timori debbano essere dati per scontati, e i dettagli della ricerca di Pew sono interessanti: gli intervistati tendono a sentirsi più positivi che negativi sul ruolo dell’AI nelle raccomandazioni su prodotti e servizi, nel monitoraggio della salute personale e nel rendere i veicoli più sicuri, ma sono davvero preoccupati per l’impatto sulla privacy.

I legislatori sono sensibili a queste preoccupazioni e il senatore democratico di New York Chuck Schumer ha appena annunciato una serie di “forum di approfondimento dell’intelligenza artificiale” del Congresso che dovrebbero informare i regolamenti futuri. Il primo è previsto per il 13 settembre e promette di essere un vero evento, con Elon Musk di Tesla-X, Sundar Pichai di Alphabet, Mark Zuckerberg di Meta, Satya Nadella di Microsoft, Sam Altman di OpenAI e Jensen Huang di Nvidia, oltre a persone per i diritti civili e le industrie del lavoro e creative. Ci sarà anche Eric Schmidt, ex CEO di Google.

Purtroppo, questo evento costellato di star si svolgerà a porte chiuse, ma sono sicuro che un giorno se ne potrà trarre un grande film, e si potrebbe anche girare in tempo reale: la conferenza, infatti, dovrebbe durare anche per due o tre ore.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.