GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Mike Bloomberg: “In America lo smart working ha creato un boom del golf”

Quando un lavoratore non è dietro la sua scrivania, chi assicura che lavori davvero? E’ questo che hanno sostenuto, fin dai primi lockdown imposti dalla pandemia, molti Ceo contrari allo smart working. Ma il gigante dei media, miliardario ed ex sindaco di New York Michael Bloomberg, ha fatto un ulteriore passo avanti. Durante un’intervista per Sunday Morning della CBS, Bloomberg ha dichiarato: “Non solo i lavoratori da remoto non lavorano. Sono praticamente in vacanza”.

“Magari il lavoro può essere svolto da casa e mi sbaglio”, ha detto Bloomberg. “Ma ogni campo da golf di cui ho sentito parlare negli ultimi tre anni ha avuto estati da record. Tutti a giocare a golf. È divertente, ma è tragico”.

È certamente azzardato suggerire che qualsiasi persona che lavori da remoto vada al campo da golf per sfogarsi senza che il proprio capo se ne accorga. Eppure, un po’ di dati a supporto della tesi di Bloomberg ci sono.

All’inizio di quest’anno, una ricerca della Stanford University condotta dagli economisti Alex Finan e Nick Bloom ha rivelato che il lavoro a distanza, in effetti, ha creato un boom del golf: le visite ai campi da golf post-pandemia sono salite alle stelle durante il primo pomeriggio dei giorni feriali.

La spiegazione più ragionevole è che, con la ritrovata libertà dalla supervisione consentita dal lavoro a distanza, alcuni lavoratori utilizzano il golf come un modo per spezzare la giornata e ricaricarsi.

Ma, contrariamente a quanto Bloomberg sembra suggerire, Bloom e Finan hanno affermato che la crescita a tre cifre del golf durante l’orario di lavoro non ha portato direttamente a un calo della produttività. Finché i dipendenti recuperano il tempo ‘perduto’ sul campo nel corso della giornata “il golf non riduce la produttività. Anzi, la produttività nazionale durante e dopo la pandemia è stata ed è elevata”.

Il gruppo anti-smart working

Ma per Bloomberg, un fermo critico del lavoro flessibile, non basta. Golf o non golf, Bloomberg si annovera tra gli altri grandi Ceo (tra cui Jamie Dimon di JPMorgan, Elon Musk di Twitter e Sundar Pichai di Alphabet) che ritengono il lavoro in presenza fondamentale.

All’inizio di agosto, ha scritto un editoriale sul Washington Post esprimendo la sua insoddisfazione nei confronti dei dipendenti pubblici che lavorano da remoto, sostenendo addirittura che sono i contribuenti a pagare il conto per gli uffici vuoti. (Ha anche affermato che l’80% dei suoi dipendenti presso la sua omonima azienda si presenta almeno tre giorni alla settimana, e da allora ha aumentato la disposizione a quattro.)

Bloomberg, un uomo da oltre 96 mld di dollari, afferma che il lavoro a distanza ha reso Washington DC, “l’ombra di se stessa” e che il denaro delle tasse sprecato in uffici vuoti ha decimato le risorse pubbliche.

“Questa cosa è andata avanti troppo a lungo. La pandemia è finita. Dovrebbero finire anche le scuse per permettere che gli uffici restino vuoti”, ha scritto. “I nostri manager hanno visto i vantaggi del ritorno al lavoro di persona e abbiamo sentito parlare di questi vantaggi anche dai loro team, soprattutto dai giovani che hanno appena iniziato la loro carriera.”

Eliminando le opportunità di tutoraggio e miglioramento delle competenze, il lavoro a distanza danneggia le prospettive future di un’organizzazione, per non parlare del suo impatto sui giovani lavoratori stessi, ha affermato Bloomberg. È stato dimostrato anche che i lavoratori a distanza soffrono degli effetti del pregiudizio di prossimità, in cui i loro capi inconsciamente preferiscono e danno priorità ai lavoratori che vedono più spesso. D’altro canto, i lavoratori a distanza possono beneficiare di un risparmio di tempo negli spostamenti e possono dedicarsi maggiormente a se stessi e alla propria famiglia.

I capi stanno perdendo la pazienza con la battaglia del lavoro a distanza

L’opinione di Bloomberg è condivisa dal Ceo di Jefferies, Rich Handler, che ha affermato che lavorare permanentemente da remoto funziona solo per obiettivi a breve termine e uno stipendio, non per una carriera. Il lavoro ibrido potrebbe anche persistere, ha detto Handler a Fortune, ma “la realtà è che, se sei in ufficio, vieni trascinato in molte situazioni interessanti in tempo reale, perché la presenza fisica è importante”.

Su questo punto concordano anche gli esperti più favorevoli al lavoro a distanza. “Le interazioni personali tra colleghi diminuiscono in modo significativo quando qualcuno lavora da casa”, hanno scritto ad aprile i ricercatori del consorzio WFH Research, Bloom e Jose Maria Barrero. “Si tratta di un costo che i lavoratori e le aziende pagano in termini di rallentamento dell’apprendimento sul posto di lavoro, in cambio della flessibilità e dell’autonomia personale acquisite lavorando da casa”.

Non si tratta di un costo da poco, ma alcuni lavoratori apprezzano chiaramente di più una partita di golf. Peccato per loro: sembra che grazie all’obbligo di ritorno al lavoro annunciato in occasione del Labor Day, le partite di golf nei giorni feriali stiano già diventando un ricordo del passato.

“Gli esseri umani probabilmente non cambiano molto rapidamente in ciò che fanno. Al limite ci sono periodi in cui si sperimenta. Non si può lavorare a distanza se  Zoom non funziona”, ha continuato Bloomberg nell’intervista alla CBS, spiegando perché il lavoro da remoto secondo lui non potrebbe mai prendere il sopravvento definitivamente sul lavoro in presenza. “Tramite uno schermo non puoi fare le stesse cose che faresti se sei faccia a faccia”.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com 

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.