GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Ue lancia consultazione pubblica per la legge Europea dello Spazio

Lo Spazio come risorsa. L’Europa guarda al settore spaziale con attenzione, e la stessa presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, nel presentare le priorità della Commissione per il 2024 ha annunciato l’intenzione di lavorare a una legge europea dello Spazio (Eusl).

I servizi spaziali sono sempre più diffusi e utilizzati in contesti economici diversi, e restano alla base dell’attuazione di diverse politiche pubbliche, del funzionamento delle imprese commerciali e facilitano la vita e le attività dei cittadini dell’Ue.
Sono inoltre trasversali rispetto a vari ambiti, quali sicurezza e difesa, e contribuiscono in maniera tangibile nel percorso verso il raggiungimento degli obiettivi dell’agenda politica dell’Ue.

In vista della nuova norma europea Eusl – che dovrebbe essere operativa già nel primo trimestre del 2024 – lo scorso 13 settembre è stata lanciata una survey, un questionario aperto agli stakeholder europei, che scadrà il 2 novembre, e che nasce per raccogliere il punto di vista di una “selezionata platea di interlocutori che diano il loro contributo per valutare la situazione attuale e i problemi connessi al settore”, si legge sul sito della consultazione online.

L’obiettivo è quello di giungere a una proposta legislativa che dovrebbe prevedere regole comuni per gli stati dell’Unione europea, che consenta di affrontare  i temi di sicurezza, resilienza e sostenibilità delle attività e delle operazioni spaziali con strategie congiunte,  limitando la frammentazione dei mercati. La legge sarà poi derimente laddove manchino le norme nazionali sul tema, assicurando nel contempo l’omogeneità e la competitività del settore spaziale europeo in un contesto internazionale.

la norma Eusl si baserà fondamentalmente su tre pilastri: sicurezza, resilienza e sostenibilità,  che corrispondono ad altrettanti obiettivi, quali garantire la sicurezza del traffico satellitare alla luce del crescente rischio di collisioni e danni da detriti spaziali. Proteggere  le infrastrutture e i beni spaziali dell’Ue e dei singoli stati, rispetto ad eventuali minacce ed attacchi informatici. In ultimo garantire la sostenibilità a lungo termine delle operazioni spaziali, considerando lo Spazio nel suo ruolo di importante leva di sviluppo dei servizi e della crescita economica.

Le opportunità offerte alle imprese, ai cittadini e ai responsabili politici dai servizi spaziali hanno creato significative opportunità economiche che hanno portato all’era della ‘new space economy’. Ciò ha anche permesso di ridurre i costi di invio di satelliti nello Spazio – grazie all’uso di lanciatori riutilizzabili o dei  microlanciatori – ma ha anche contribuito all’aumento del numero di satelliti in orbita, in particolare con lo sviluppo di mega-costellazioni. L’emergere di nuovi attori spaziali, la progressiva congestione della bassa atmosfera e l’aumento dei rischi tecnologici/informatici, sono fattori che rappresentano una minacciano per la sicurezza, la resilienza e la sostenibilità delle operazioni spaziali.

Il primo passo verso la norma europea dello Spazio era già stato compiuto con l’adozione della strategia spaziale dell’Ue per la sicurezza e la difesa, avvenuta il 10 marzo 2023, che attiva un quadro di sicurezza coerente a livello dell’Ue, che integri gli atti legislativi recentemente adottati relativi alla resilienza delle entità critiche e la sicurezza informatica.

La Commissione sta quindi valutando la possibilità di proporre una legge spaziale dell’Ue, che preveda norme comuni  per la sicurezza, la resilienza e la sostenibilità delle attività e delle operazioni spaziali comunitarie.

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.