Cerca
Close this search box.

Smart cities, opportunità per lo sviluppo delle aree urbane

Aboca banner articolo

Il concetto di Smart cities è diventato di tendenza da diversi anni, trovando applicazione in vari settori come trasporti pubblici, mobilità, gestione dell’energia, illuminazione pubblica e sicurezza. Questi ambiti condividono l’obiettivo di ottimizzare le infrastrutture e i servizi urbani attraverso l’utilizzo delle tecnologie digitali e dell’innovazione tecnologica. In Italia, la digitalizzazione della pubblica amministrazione è una delle principali sfide identificate nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, che ha destinato circa il 27% delle risorse (50 mld di euro) per investimenti in tecnologie, infrastrutture e processi digitali, volti a promuovere la competitività del Paese.

Un esempio concreto di questa strategia è l’investimento 1.4 del Piano, dedicato al miglioramento dei servizi e alla cittadinanza digitale. Questo punto prevede circa 2 mld di euro per la realizzazione di infrastrutture abilitanti, con l’obiettivo di potenziare la qualità dei servizi.

Parallelamente alle iniziative a livello nazionale, esistono anche numerose opportunità internazionali. Ad esempio, la Commissione europea ha dedicato una Missione di Ricerca e Innovazione alle Smart cities nell’ambito della sua attuale Programmazione, stanziando un budget consistente per lo sviluppo e la combinazione di nuove forme di governance e sviluppo tra il settore pubblico e privato, con un particolare focus sull’coinvolgimento attivo della cittadinanza nelle sue diverse forme. Inoltre, sono stati istituiti i Poli Europei di Innovazione Digitale, con un budget di 7 mld di euro.

Le opportunità non riguardano solo la pubblica amministrazione, ma coinvolgono anche gli enti territoriali e le imprese. Tuttavia, per cogliere appieno queste opportunità, è necessario un piano di azione ben strutturato che preveda lo sviluppo e il rafforzamento delle competenze locali e la creazione di una rete di attori e iniziative. Questa rete dovrebbe includere specialisti operanti nel settore terziario, con una solida esperienza nell’assistenza al tessuto socioeconomico di riferimento, in grado di sostenere il percorso di trasformazione e di rilancio del Paese.

Le Smart cities sono strettamente connesse anche al settore del turismo, grazie a elementi come la raccolta di informazioni, l’utilizzo dei big data e la co-creazione di esperienze. Le Capitali Europee del Turismo Intelligente per il 2023, Siviglia e Pafos, sono esempi significativi di successo. La località cipriota è stata in grado di evolversi da tradizionale hotspot turistico di massa a destinazione moderna e innovativa, anche attraverso iniziative come il progetto Smart Water Management, che ha permesso di ridurre le perdite idriche dal 33% al 10%.

Dal canto suo, Siviglia è diventata un punto di riferimento per l’innovazione turistica e lo sviluppo del business grazie a una visione integrata che combina infrastrutture, iniziative pubbliche e private, e la realizzazione di importanti eventi internazionali.

Per sviluppare Città Intelligenti in Italia, è necessario coinvolgere attivamente esperti e decisori provenienti da diversi settori. Un’idea operativa può essere la creazione di tavoli di lavoro pubblico-privato, mirati a sviluppare e condividere una visione integrata che combini infrastrutture e iniziative, e promuova il dialogo tra i vari attori. In questo modo, verrebbero affrontate questioni cruciali come l’accessibilità e la gestione dello spazio urbano, l’utilizzo di tecnologie innovative come il GIS e l’intelligenza artificiale per analizzare ed elaborare le informazioni, nonché lo sviluppo e l’adozione di piattaforme pubbliche e aperte per i servizi Internet.

Insomma, le Smart cities offrono numerose opportunità per lo sviluppo e la crescita delle aree urbane. La digitalizzazione e la transizione verso un’economia sostenibile rappresentano gli elementi chiave per creare città intelligenti, innovative e resilienti.

*Founder e Managing Director di Futuritaly, strategic advisor con lunga esperienza nel mondo pubblico e industriale.

 

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.