Cerca
Close this search box.

Elon Musk: “Ho voluto io Ilya Sutskever in OpenAI”

Elon Musk Fortune Italia

La leadership di OpenAI ha appena subito un brusco e drammatico scossone. Ilya Sutskever, figura chiave al centro delle turbolenze, è anche una delle principali ragioni per cui il Ceo di Tesla Elon Musk non è più amico del cofondatore ed ex Ceo di Google Larry Page.

Venerdì, OpenAI ha annunciato che il cofondatore e Ceo Sam Altman è stato licenziato dal consiglio di amministrazione e che Mira Murati, chief technology officer, assuerà l’incarico ad interim. Il creatore del chatbot AI ChatGPT ha affermato che Altman “non è stato sempre sincero” con il consiglio di amministrazione, senza fornire dettagli.

E’ stato anche detto che un altro cofondatore, il presidente Greg Brockman, sarebbe stato rimosso dal ruolo di presidente del cda anche se sarebbe rimasto in azienda. Ma Brockman ha poi comunicato che si sarebbe licenziato.

Ciò significa che è rimasto solo un membro del gruppo principale di fondatori di OpenAI: Ilya Sutskever, il capo scienziato dell’azienda. Nato in Russia, israelo-canadese, Sutskever è uno dei maggiori esperti di deep learning, un sottoinsieme dell’apprendimento automatico. Siede anche nel consiglio di amministrazione di OpenAI.

“Ieri sera, Sam ha ricevuto un messaggio da Ilya che chiedeva di parlare con lui a mezzogiorno di venerdì”, ha scritto Brockman su X nella tarda serata di venerdì. “Sam ha preso parte a un incontro su Google Meet e c’era l’intero consiglio di amministrazione, tranne Greg. Ilya ha detto a Sam che sarebbe stato licenziato e che la notizia sarebbe uscita molto presto”.

Al centro del brusco rivolgimento c’era la questione della sicurezza dell’AI, secondo fonti anonime che hanno parlato con Bloomberg, con Altman e Sutskever in disaccordo sulla velocità con cui commercializzare i prodotti di AI generativa e sui passi necessari per ridurre i possibili danni pubblici.

La battaglia di Musk con Google per avere Sutskever

Musk ha dei trascorsi sia con OpenAI, nel cui avviamento ha svolto un ruolo chiave, che con Sutskever, che convinse a unirsi a OpenAI come cofondatore e capo scienziato nel 2015, lasciando Google. Il 9 novembre, in un episodio del Lex Fridman Podcast, Musk ha raccontato quanto Sutskever sia stato fondamentale per il successo di OpenAI.

Musk ha detto di essersi impegnato molto nel 2015 per reclutare Sutskever in OpenAI, che ha poi immaginato come un’organizzazione no-profit open-source che avrebbe agito da contrappeso al potere di Google nell’intelligenza artificiale. Musk ha messo in guardia da tempo dai potenziali pericoli dell’AI.

Nel frattempo Demis Hassabis, cofondatore e Ceo di DeepMind, acquisita da Google nel 2014, stava cercando di convincere Sutskever che Google era il posto migliore per lui.

“Eravamo principalmente Demis da una parte e io dall’altra, entrambi cercavamo di reclutare Ilya, e Ilya non riusciva a decidersi per uno o per l’altro“, ha detto Musk. “Alla fine ha accettato di unirsi a OpenAI. È stata una delle battaglie di reclutamento più difficili che abbia mai combattuto, ma è stata davvero la chiave di volta per il successo di OpenAI”.

Musk si è descritto come la “prima mossa dietro OpenAI, nel senso che ha visto la luce a seguito delle discussioni che ho avuto con Larry Page [cofondatore di Google] quando io e lui eravamo amici”.

Ha raccontato di essere stato a casa di Page e di avergli parlato della sicurezza dell’AI.

Larry non si preoccupava della sicurezza dell’AI o, almeno, all’epoca non lo faceva“, ha detto Musk. “A un certo punto mi ha definito ‘specista’ perché ero a favore dell’umano. E io gli ho risposto: ‘Beh, da che parte stai tu, Larry?’

Musk ha detto che ciò che lo preoccupava era che Google aveva acquisito DeepMind e disponeva “probabilmente di due terzi di tutti i ricercatori di intelligenza artificiale del mondo. Avevano soldi e calcoli praticamente infiniti, e il tizio in carica, Larry Page, non si preoccupava della sicurezza”.

Quando Fridman ha suggerito che Musk e Page potrebbero diventare di nuovo amici, Musk ha risposto: “Mi piacerebbe essere di nuovo amico di Larry. In realtà la rottura dell’amicizia è avvenuta a causa di OpenAI, e in particolare penso che il momento determinante sia stato il reclutamento di Ilya Sutskever”.

Musk ha definito Sutskever “un brav’uomo, intelligente e di buon cuore”.

La delusione nei confronti di OpenAI

Musk ha lasciato il consiglio di amministrazione di OpenAI nel 2018 dopo uno scontro con i vertici. Negli anni successivi ha espresso indignazione per la direzione presa sotto la guida di Altman, soprattutto dopo che OpenAI ha accettato investimenti miliardari da Microsoft allontandosi dal suo status di organizzazione no-profit.

Altman ha definito Musk un “idiota”, ma recentemente ha anche riconosciuto il suo ruolo nella fondazione di OpenAI.

“Elon era sicuramente una calamita per i talenti e per l’attenzione e lui ha anche alcuni veri superpoteri che ci sono stati di grande aiuto all’inizio”, ha detto al podcast In Good Company a settembre.

Musk, da parte sua, ha twittato, all’inizio di quest’anno: “OpenAI è stata creata come società open source (motivo per cui l’ho chiamata “Open” AI), senza scopo di lucro per fungere da contrappeso a Google, ma ora è diventata una società closed source e a massimo profitto effettivamente controllata da Microsoft. Non era affatto quello che volevo”.

La versione originale di questo articolo è su Fortune.com

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.