Cerca
Close this search box.

L’intelligenza artificiale e TikTok scuotono l’industria dell’informazione

Ho trascorso alcuni giorni a Lisbona dove ho seguito un Web Summit, quest’anno insolitamente controverso. Un tema ricorrente in tutto l’evento è stato quello dell’intelligenza artificiale e del suo impatto sull’affidabilità. Ho ho moderato un incontro estremamente interessante sulla preparazione relativa alla questo tema con Julie Pace, direttore esecutivo dell’Associated Press, e Yasir Khan, caporedattore della Thomson Reuters Foundation.

Si tratta di due delle organizzazioni più autorevoli del settore e le loro dimensioni e la loro levatura influenzano il modo in cui affrontano l’avvento dell’AI generativa e la sua capacità di inventare falsi convincenti. Per prima cosa, hanno una reputazione che hanno impiegato decenni a costruire, il che significa che è probabile che i fruitori di notizie si fidino della loro produzione. Sono anche abbastanza grandi da produrre in proprio foto e video e dedicare delle risorse alla verifica dei contenuti esterni.

“Non possiamo informare il nostro pubblico su ciò che è reale e ciò che non lo è e a cosa prestare attenzione a meno che non lo facciamo anche noi internamente. Quindi, molto di ciò che abbiamo fatto in questi ultimi due mesi è stato sviluppare strutture interne, standard interni e condividerli con il resto del settore“, ha affermato Pace. “Noi, come organizzazione giornalistica, dobbiamo dire che il nostro ruolo è quello di essere in grado di fornire informazioni affidabili, accurate e reali e… assicurarci di non fare nulla che ci possa far perdere quella posizione diventa più essenziale che mai”.

“Parliamo molto di ciò che possiamo fare per essere trasparenti, per essere in grado di dire: ‘Questo è il motivo per cui questa foto che abbiamo scattato è vera, perché possiamo dimostrare che c’era un fotografo dietro che era in questo luogo. Ecco un po’ del lavoro che è stato fatto in questo campo”, ha aggiunto.

Mi preoccupo per le redazioni più piccole, perché, primo, non hanno la riconoscibilità del marchio e, secondo, non dispongono dei sistemi che possano aiutarle a fare la adeguata valutazione di una fotografia, di un video o di un testo”, ha detto Khan.

Il fatto è che al giorno d’oggi molte persone non ricevono le notizie direttamente dalle redazioni, indipendentemente dalle dimensioni. Le ricevono, invece, dai social media.

Un nuovo studio del centro ricerche Pew mostra come la percentuale di utenti di TikTok che si recano regolarmente sulla piattaforma per cercare le notizie sia balzata alle stelle, passando in pochi anni dal 22% al 43%.

Alla conferenza ho parlato con Chris Chandler, che posta video di notizie su TikTok e ha accumulato in quel lasso di tempo oltre 250.000 follower. Mi ha raccontato che molti dei giovani che lo seguono gli dicono di voler ricevere le loro notizie da qualcuno come lui piuttosto che dai media tradizionali. Questo è il futuro e io, giornalista digitale da quando sono entrato nel mondo dell’informazione a metà degli anni 2000, ora so come si sentivano i giornalisti della carta stampata quando arrivavano persone come me.

Come dovrebbero, dunque, gestire le conseguenze dell’intelligenza artificiale persone come Chandler, sia in termini di attendibilità delle fonti che di opportunità che la tecnologia potrebbe offrire?

“Darei lo stesso consiglio che darei ai giornalisti nella nostra redazione: assicuratevi di farlo bene, perché una reputazione è qualcosa che è facile acquisire e più difficile scrollarsi di dosso”, ha detto Khan. (Chandler mi ha ripetuto più volte quanto sia importante per lui essere imparziale, cosa che spesso non accade tra i suoi coetanei).

Pace ha osservato che le aziende tecnologiche hanno un ruolo importante da svolgere nel segnalare i contenuti non autentici, ma sia lei che Khan hanno anche sottolineato che tutti hanno la responsabilità di essere in grado di distinguere ciò che è reale da ciò che non lo è. Come ha detto Khan: “Educare il pubblico fin dalla più tenera età ad essere fruitori di notizie migliori costruisce società migliori, e contribuisce a creare società probabilmente immuni a molta disinformazione”.

La versione originale dell’articolo è su Fortune.com

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.