GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Perché il lobbying dovrebbe essere incluso nei rating ESG

Un rating ESG può essere un incubo. Ci sono centinaia di dati da analizzare e non misurano nemmeno in modo efficace l’impatto di un’azienda. Eppure Alberto Alemanno, fondatore di The Good Lobby e professore alla business school francese Hec Paris (nella foto in evidenza), sostiene che affinché un rating ESG sia efficace dovrebbero essere aggiunti ancora più dati: quelli che misurano le attività di lobbying di un’azienda.

“Il lobbying è una zona d’ombra per chi valuta l’ESG”, ha detto Alemanno. L’ultimo “Good Lobby report” mostra che la maggior parte dei valutatori ESG, tra cui MSCI, Bloomberg, Ecovadis, Refinitiv e Sustainalytics, misurano al massimo un quarto delle pratiche di lobbying di un’azienda. Moody’s e S&P ottengono le performance meno negative tra i tradizionali rating ESG, includendo il 40% dei dati delle lobby.

Solo pochi sistemi di valutazione dedicati al lobbismo, come i Principi dell’OCSE per la trasparenza e l’integrità del lobbismo e il Responsible lobbying framework, riescono a superare il 50%. Le omissioni più comuni e problematiche sono la trasparenza sulla spesa politica e le dichiarazioni sulle attività di lobbying indiretto. Secondo Alemanno non includendo i dati sul lobbying rischi di ottenere un’immagine falsa dell’azienda che stai guardando. È perfettamente possibile, ad esempio, che un’azienda ottenga buoni risultati nelle misure ambientali e sociali incluse in un sondaggio ESG mentre boicotta i progressi su queste stesse questioni in sede legislativa.

I resoconti e le indagini dei media su tali pratiche sono diffusi. Nel 2020, aziende tra cui Coca-Cola, Nestlé e PepsiCo sono state accusate di “ipocrisia” per aver promesso il riciclaggio e la riduzione della plastica, mentre facevano pressioni contro di esse. Ford e GM hanno esercitato pressioni sull’amministrazione Trump nel 2017 affinché indebolisse gli standard sui carburanti, pubblicizzando pubblicamente il loro impegno nei confronti dell’Accordo di Parigi. E l’anno scorso, Microsoft è stata l’unica delle cinque grandi aziende tecnologiche americane ad approvare l’Inflation reduction act, mentre altre, come Amazon e Apple, sono rimaste in silenzio, nonostante spesso si vantassero delle loro credenziali ambientali.

L’attuale mancanza di dati sulle attività di lobbying rappresenta innanzitutto un rischio per gli investitori, ha affermato Alemanno, poiché potrebbe portarli a stanziare fondi sulla base di presupposti errati. Inoltre, non riuscendo a fornire un quadro completo delle attività di lobbying di un’azienda, i valutatori ESG potrebbero non cogliere importanti indicatori di greenwashing, il che a sua volta potrebbe portare a un maggiore scetticismo sull’efficacia dei rating ESG nel complesso.

Uno dei casi più problematici di lobbying è il modo in cui ‘Business Europe’ e la Camera di commercio americana influenzano la regolamentazione ‘verde’, come il Green new deal in Europa, o l’Inflation reduction act negli Stati Uniti, ha detto Alemanno. “Cercano il minimo comune denominatore tra i loro membri”.

Allora qual è la via d’uscita? Ovviamente, si tratterebbe di aumentare la trasparenza del lobbying e di includere i suoi indicatori nei punteggi ESG. Ma è improbabile che ciò accada, ha sottolineato Alemanno: le agenzie di rating ESG spesso non sono nemmeno trasparenti sulle proprie metodologie. Forse spetta alle aziende stesse essere trasparenti, soprattutto quando la trasparenza riguarda il proprio impegno per la sostenibilità.

 

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.