Lilly H
Cerca
Close this search box.

L’Ocse taglia le stime per l’Italia e l’Eurozona: crescita più debole in vista

industria economia fmi pil occupazione

L’Ocse ha rivisto al ribasso le stime di crescita per l’Italia e l’Eurozona, mentre l’Istat segnala un calo dell’indice di fiducia delle imprese. Secondo le Prospettive Economiche d’Autunno presentate a Parigi, l’Ocse prevede un aumento del Pil mondiale al 2,9% per quest’anno e al 2,7% nel 2024, con un rimbalzo al 3% nel 2025. Tuttavia, per l’Eurozona, l’Ocse prevede una crescita più modesta, passando dallo 0,6% nel 2023 all’1,5% nel 2025. Anche l’Italia sperimenta un rallentamento, con una crescita stimata all’0,7% sia nel 2023 che nel 2024, seguita da una leggera ripresa al 1,2% nel 2025.

Queste previsioni contrastano con le stime della Commissione UE a settembre, che erano più ottimistiche per l’Eurozona e l’Italia. Clare Lombardelli, capoeconomista dell’Ocse, ha sottolineato la necessità per l’Italia di concentrarsi sulla politica dell’offerta, aumentare la concorrenza nei servizi alle imprese e attuare riforme nella giustizia civile. Lombardelli ha anche esortato il governo italiano a offrire maggiori opportunità di assistenza all’infanzia per favorire l’occupazione femminile.

In merito all’inflazione, l’Ocse prevede una graduale diminuzione in Italia nel biennio 2024-25. Tuttavia, Lombardelli ha avvertito che l’inflazione continua a destare preoccupazioni. Inoltre, l’Ocse ha sottolineato la necessità per l’Italia di ridurre il disavanzo pubblico e affrontare l’evasione fiscale e l’aumento della spesa pensionistica.

La capoeconomista ha evidenziato che l’Italia si trova in una situazione simile ad altri Paesi europei, ma prevede che i dati sulla crescita raggiungeranno i loro migliori livelli nel 2025. Infine, Lombardelli ha esortato le autorità italiane a accelerare l’uso dei fondi del Next Generation EU, indicando che al momento sono in ritardo rispetto alle tempistiche stabilite.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.