GILEAD
Cerca
Close this search box.

Perché la libertà di stampa è alla base del successo economico degli Stati Uniti

Gilead

Ultimamente i media non sono stati molto apprezzati. Certo, nel corso degli anni ci sono state alcune rappresentazioni hollywoodiane degne di nota, con film come The Post, Spotlight e Tutti gli uomini del presidente che hanno celebrato la caparbietà dei reporter nel denunciare le malefatte. Ma il bagliore di queste rappresentazioni si è rapidamente affievolito in un’epoca di media frammentati, politica polarizzata e ricerche sui social media.

La prova è che la fiducia del pubblico americano nei media tradizionali rimane ai minimi storici. L’erosione della fiducia si estende anche oltre i confini degli Stati Uniti, con un recente declino della libertà di stampa in quasi tutti i continenti. In tutto il mondo, il giornalismo ha dovuto affrontare gravi battute d’arresto di fronte a governi ostili ed elettori scettici in democrazie come l’India, l’Ungheria e il Messico.

Si tratta di uno sviluppo tragico sotto molti punti di vista, anche per coloro che non accettano le argomentazioni civiche standard a favore del Quarto Potere. Una stampa libera è fondamentale per una ragione molto pratica: aiuta l’economia. Negli Stati Uniti c’è un legame reale tra un’economia solida, il PIL in crescita e una stampa che ha il potere e l’obbligo di chiedere conto alle aziende delle loro malefatte.

Per capire perché una stampa libera ha alimentato il successo dell’America, torniamo innanzitutto alla Costituzione. Incredibilmente, la stampa è l’unico settore che i fondatori menzionano esplicitamente, proprio nel Primo Emendamento del Bill of Rights:

Il Congresso non farà alcuna legge che riguardi l’istituzione di una religione, o che proibisca il suo libero esercizio, o che impedisca la libertà di parola o di stampa…

I nascenti Stati Uniti del 1780 erano un luogo e un sistema politico molto diversi da quelli di oggi. Ma i fondatori avevano capito che gran parte del dinamismo della nostra economia, per non parlare dell’efficacia del nostro governo, si sarebbe ridotto a una cosa: la responsabilità. E la stampa è uno strumento molto efficace per la responsabilità.

Per capire come la responsabilità aggiunga dinamismo all’economia, basta guardare al mercato azionario statunitense. Ogni trimestre, le aziende presentano un report agli investitori sotto forma di relazioni sugli utili, illustrando le vendite e i profitti dei tre mesi precedenti e fornendo aggiornamenti su previsioni e strategie. Nel corso del tempo, le aziende efficaci vengono premiate con un migliore accesso al capitale e ai talenti. Le loro quotazioni azionarie salgono, facendo guadagnare gli azionisti e attirando più risorse da riversare nell’azienda. Le aziende inefficienti invece vengono punite.

Quando funziona adeguatamente, questo sistema elimina i pigri e i corrotti e porta agli aumenti di produttività che si traducono in tutti i lussi della vita moderna.

Ma i mercati finanziari e i consumatori non possono fare molto. Anche nelle società più oneste, gli individui e le aziende fanno spesso del loro meglio per evitare le responsabilità. In altre parole, mentono. Se non controllato, questo tipo di menzogna ha gravi conseguenze negative per l’economia di una società e per il benessere di tutti coloro che ne fanno parte.

Se gli investitori vengono costantemente ingannati e dirottano i loro capitali verso aziende inefficaci e i clienti vengono regolarmente ingannati e acquistano prodotti scadenti, l’intero motore economico si inceppa. Gli investitori portano i loro capitali fuori dal Paese e li dirottano verso luoghi con istituzioni più forti e informazioni più accurate. I clienti perdono fiducia nei prodotti nazionali e smettono di acquistarli. Le entrate fiscali crollano. I posti di lavoro si perdono e non tornano più. Il potere d’acquisto si erode, il PIL diminuisce e il tenore di vita si abbassa.

Questo è esattamente ciò che accade nei Paesi che non hanno il controllo di una stampa libera. Di recente, alcuni ricercatori australiani hanno esaminato i percorsi di 97 Paesi in un periodo di 40 anni e hanno scoperto che una diminuzione della libertà di stampa è correlata a un calo fino al 2% della crescita del PIL reale. Ancora più sorprendente è il fatto che una mappa della libertà di stampa si correli piuttosto bene con i luoghi in cui si vorrebbe effettivamente nascere. I Paesi con un elevato PIL pro capite, una relativa parità di genere, una lunga durata della vita e alti livelli di felicità dichiarata quasi sicuramente avranno anche una stampa solida e libera.

È importante sottolineare che la nostra società dispone di altri meccanismi per garantire la responsabilità nell’economia. Gli organismi di regolamentazione e le forze dell’ordine possono individuare e punire le frodi aziendali. Ma sono i media che spesso scoprono per primi gli illeciti. La storia recente è piena di esempi eclatanti.

Enron, per esempio, ha stupito gli investitori con falso in bilancio e con veri e propri inganni per anni, finché un intraprendente giornalista del Wall Street Journal non ha iniziato a fare domande. Un’inchiesta di Fortune ha dato il via alle indagini che hanno portato alla bancarotta e alle accuse penali. È stato il Los Angeles Times a condurre un’inchiesta su Wells Fargo, che aveva creato milioni di conti di clienti falsi. A luglio, il Wall Street Journal ha scoperto una rete di tubi di piombo tossici in una storia con gravi implicazioni per gli investitori e per la salute pubblica.

Per le società private, che non hanno il controllo degli utili trimestrali e la supervisione dellla Borsa, il controllo dei media è ancora più importante. Il pasticcio della società di criptovalute FTX è stato scoperto da CoinDesk, la frode di Theranos dal Wall Street Journal e lo sfacciato inganno di Ozy Media dal New York Times.

Se i media non avessero indagato su queste aziende, gli investitori e i clienti sarebbero stati ingannati, e i loro fondi avrebbero riempito le tasche dei dirigenti fraudolenti invece di alimentare un’attività economica produttiva.

Al contrario, vediamo l’impatto dell’assenza di una stampa libera in Messico, dove i giornalisti vengono regolarmente uccisi per eliminare la possibilità di chiedere conto a chi è al potere delle azioni commesse. La corruzione può sottrarre miliardi di dollari di fondi pubblici, mentre i cartelli della droga si insinuano sempre più nel tessuto economico e politico del Paese. In Russia, dove la crescita del PIL langue rispetto ai suoi vicini più liberi, i media si sono sempre più consolidati sotto il controllo dello Stato e degli interessi correlati. La stampa agisce in gran parte come un passacarte per conto degli oligarchi che gestiscono alcune delle aziende meno competitive al mondo.

Il libero mercato e la libertà di parola sono disordinati. Le società aperte sono spesso conflittuali e scomode e le democrazie sono sempre imperfette. Ma ogni volta si dimostrano luoghi migliori per vivere e arricchirsi rispetto alle alternative. La nostra è sopravvissuta per quasi 250 anni perché i nostri fondatori sono stati abbastanza lungimiranti da sviluppare un sistema flessibile e interconnesso di pesi e contrappesi che mantiene il nostro Paese e la sua economia in carreggiata. La stampa è una parte fondamentale di questo sistema. Quindi, la prossima volta che otterrete un aumento, o vedrete un buon incremento del vostro fondo pensione, ricordatevi di ringraziare un giornalista.

J.J. Colao è il fondatore di Haymaker Group, una società di comunicazione che collabora con aziende leader nel settore della tecnologia e dei beni di largo consumo.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.