Cerca
Close this search box.

ATOM Hoteles SOCIMI investe 50 mln e rafforza il portfolio con due icone del lusso a Barcellona

ATOM Hoteles SOCIMI arricchisce il suo portfolio di due gioielli del lusso con l’acquisizione, appena annunciata, di due strutture iconiche di Barcellona: l’Hotel Miramar (nella foto in evidenza) e il Gran Hotel La Florida.

Grazie a un investimento iniziale di 50 mln di euro, i due asset alberghieri, che appartengono entrambi all’esclusiva categoria 5 stelle lusso, entrano a far parte del patrimonio del fondo d’investimento gestito da GMA.

Unici per la loro ubicazione e per il valore storico degli edifici, diventeranno ora, grazie alla gestione dei nuovi operatori, un punto di riferimento nel servizio di alta gamma della città.

 

Gran Hotel La Florida

L’Hotel Miramar fu costruito inizialmente come ristorante per l’Esposizione Universale del 1929, poi, dal 1959 al 1983 divenne sede degli studi del servizio radiotelevisivo spagnolo RTVE in Catalogna, successivamente trasferiti a San Cugat. Fu in quegli anni che l’edificio divenne il centro nevralgico degli esordi della cultura televisiva spagnola, con nomi famosi come Mónica Randall e Federico Gallo.

La struttura dell’Hotel Miramar quando era sede della TVE

Il complesso dispone di giardini disegnati del celebre paesaggista ed esperto botanico Jean Claude Nicolás Forestier, mentre l’edificio originario, ideato dal famoso architetto Ramon Raventós, è stato convertito nel 2007 in hotel di lusso ad opera dello studio di architettura di Oscar Tusquets.

L’associazione degli albergatori “El Gremio” di Barcellona ha riconosciuto il Miramar come “Hotel Monumento” per la maestosità della struttura originale e per i giardini, oltre che per la sorprendente scala in pietra calcarea bianca che, partendo dalla hall, raggiunge la cima dell’edificio.

Più o meno negli stessi anni, nel 1924, fu costruito anche il Gran Hotel La Florida, che ha ospitato figure mitiche della letteratura e del cinema, tra i quali Ernest Hemingway, James Stewart e Rock Hudson. Ancora oggi, nei suoi giardini non è insolito incontrare, come è successo alla fine del 2023, ospiti come Bruce Springsteen, Barack Obama e Tom Hanks.

Una camera del Gran Hotel La Florida

Modernità e stile classico si fondono nell’edificio, che ospita sculture contemporanee di Ben Jakober e Yannick Vu, inserite negli interni propri dello stile elegante di Barcellona. L’ultima importante ristrutturazione dell’hotel ha visto un pool di architetti e designer d’interni di grande livello, fedeli alla massima del poeta J. V. Foix: “mi esalta il nuovo e m’innamoro dell’antico”.

Tale trasformazione ha portato nell’ hotel nuovi materiali come ferro battuto, acciaio inossidabile e la trasparenza del vetro. La tradizione unita alla modernità lo hanno condotto ad essere affiliato a ‘The Leading Hotels of the World’, collezione rinomata nel mondo che riunisce gli alberghi di lusso indipendenti più esclusivi, confermando gli elevati standard di servizio e qualità del Gran Hotel La Florida.

Le nuove acquisizioni comporteranno il cambio di gestione per entrambi gli hotel. Mentre il Gran Hotel La Florida sarà gestito da Sunset Hospitality Group, già presente in Spagna con hotel e ristoranti di alta gamma in gestione a Marbella e Ibiza, l’Hotel Miramar sarà diretto da Hyatt Hotels & Resorts, marchio di riferimento mondiale del lusso, con presenza in tutti i continenti e con oltre 1.300 hotel di alta gamma.

La facciata dell’Hotel Miramar

L’investimento è una manifestazione di fiducia verso Barcellona come destinazione turistica, oltre che per la sua capacità di attrarre capitali, marchi internazionali,
competenza e ospiti da tutto il mondo.

In ATOM Hoteles SOCIMI si dichiarano “soddisfatti ed entusiasti di questa nuova operazione che ci consente di dare il benvenuto a Barcellona a due referenze nell’hospitality di alta gamma come Hyatt e Sunset Hospitality Group. Per noi è fondamentale collaborare con il partner adeguato in ciascun affare e siamo certi di
trovarci in una fase di rinnovamento storico dell’ospitalità di lusso di Barcellona”.

Víctor Martí, gestore e fondatore, con Bankinter Investment, della SOCIMI, ha dichiarato “sono straordinariamente entusiasta per l’operazione conclusa a Barcellona”, aggiungendo che tale transazione corrisponde alla strategia di “identificare strutture alberghiere di quattro stelle proficue e sostenibili, accedendo con i nostri investitori ad asset di cinque stelle e di lusso in destinazioni supportate da clientela alla ricerca di tale fascia”.

Il Ceo ha dichiarato che “le strutture così uniche come il Miramar e La Florida ci consentono di raggiungere i prefissati obiettivi di investimento e solidi rendimenti,
attraverso la distribuzione periodica di dividendi certi. A livello personale e professionale” ha concluso Víctor Martí, “questa operazione è speciale perché mi ha permesso di ritornare nella città dove ho iniziato la mia carriera professionale in ambito alberghiero, in un momento storico nel quale è molto complesso trovare asset in condizioni favorevoli per coloro che investono in questo settore”.

Barcellona negli ultimi anni è rimasta fedele alla sua posizione di rilievo tra le prime cinque capitali europee per quanto attiene agli investimenti alberghieri.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.