Cerca
Close this search box.

“Quali politiche energetiche per l’Italia?” Confronto tra i presidenti di A2A, IREN e ANIA

Si è svolto presso il Centro Studi Americani il seminario dal titolo “Quali politiche energetiche per l’Italia?” organizzato dalla Scuola Politica “Vivere nella Comunità”.

L’evento, moderato da Massimo Lapucci, ha visto la partecipazione di Luca Dal Fabbro (Presidente IREN), Roberto Tasca (Presidente A2A) e Maria Bianca Farina (Presidente ANIA), membri del prestigioso board esecutivo della Scuola Politica “Vivere nella Comunità”, un percorso formativo unico in Italia che vede coinvolte numerose personalità di primo piano del mondo accademico ed aziendale.

Come riportato in apertura da Marcello Presicci, Segretario Generale della Scuola Politica: “Grazie alla sua natura multidisciplinare la nostra iniziativa formativa offre momenti unici ed altamente istruttivi come questo. Un seminario in cui tre grandi manager discutono di aspetti legati tra loro dalla stretta cronaca mondiale come la geopolitica, la geoeconomia e le problematiche assicurative. Siamo felici di supportare in questo modo le competenze e la crescita della futura classe dirigente, in
modo apartitico e bipartisan”.

Il primo ad intervenire è stato Luca Dal Fabbro, Presidente IREN sottolineando come “In Italia la maggior parte del gas ci arriva via gasdotto, ma ciò rappresenta tecnicamente una criticità perché dipendiamo così da un solo mezzo di approvvigionamento. Oltre che dal gas e dal petrolio – ha aggiunto Dal Fabbro – siamo dipendenti anche dalla maggior parte delle materie prime: delle 31 materie prime che l’Ue ha identificate, noi dipendiamo dall’estero per 5 materie. L’Italia, se lo volesse, potrebbe recuperare un terzo delle materie prime con una ventina di impianti.”

A seguire Maria Bianca Farina – Presidente ANIA – ha espresso apprezzamento per un’iniziativa che il comparto chiedeva da tempo, ovvero la partnership pubblico-privato in materia di rischi calamitosi, auspicando che lo stesso possa essere esteso anche alle persone fisiche. “Le assicurazioni contro le catastrofi sono riconosciute a livello internazionale come lo strumento chiave per contenere le perdite perché favoriscono finanziamenti rapidi per la ricostruzione e incentivano la
mitigazione del rischio”, ha spiegato la Presidente Farina.

Sul tema delle energie rinnovabili il Presidente di A2A, Roberto Tasca, ha sottolineato come “la politica energetica italiana va considerata su una linea temporale. Il nostro orizzonte ha delle scadenze al 2035-2040-2050. In base ai suoi obiettivi, l’Italia al 2050 vorrebbe non emettere più anidride carbonica e non superare l’aumento della temperatura di oltre 1,5ºC. Per contare in Europa, l’Italia dev’essere primatista in qualcosa, ad esempio aumentando la produzione delle energie rinnovabili, che ci renderebbe più indipendenti”.

In conclusione Massimo Lapucci, Vice Presidente della Scuola Politica “Vivere nella Comunità” ha affermato: “La missione della nostra Scuola è quella di fornire agli studenti gli strumenti idonei per comprendere al meglio le sfide odierne e le complessità dell’attuale scenario geopolitico. Avere l’opportunità di ascoltare pensieri e riflessioni derivanti da manager che ogni giorno attuano scelte che impattano sulla nostra quotidianità – come le politiche energetiche – rappresenta un momento di alto livello formativo. Continueremo a lavorare con spirito di servizio per offrire ai nostri partecipanti occasioni di dibattito preziose come questa insieme ai Presidenti Dal Fabbro, Farina e Tasca che ringraziamo per la loro straordinaria testimonianza”.

 

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.