Cerca
Close this search box.

Nuovo Decreto Pnrr: poteri sostitutivi e commissari per accelerare le opere

Il governo italiano ha varato un nuovo decreto sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), con l’obiettivo di accelerare le opere e garantire una maggiore responsabilizzazione dei soggetti coinvolti nella spesa pubblica. Questo provvedimento, annunciato dopo diversi rinvii, introduce misure volte a rafforzare la governance, semplificare le procedure e combattere il lavoro irregolare.

Secondo il ministro Raffaele Fitto (nella foto in evidenza), il decreto rappresenta un passo significativo verso una maggiore responsabilizzazione dei soggetti chiamati a partecipare alla spesa del Pnrr. Fitto ha sottolineato l’importanza di garantire che le opere previste nel Piano vengano effettivamente realizzate, ringraziando il ministro Giancarlo Giorgetti per il suo contributo al processo.

Il provvedimento prevede l’attivazione dei poteri sostitutivi nel caso di disallineamento tra i cronoprogrammi e i dati comunicati al sistema informatico Regis. Inoltre, in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi previsti, sarà richiesta la restituzione degli importi percepiti. Per garantire una maggiore efficacia nell’attuazione delle opere, sono previsti anche commissari dedicati a specifici settori, come gli alloggi universitari e il contrasto allo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura.

Il decreto, che conta 49 articoli nella sua ultima bozza, include anche misure per la prevenzione e il contrasto del lavoro irregolare, nonché disposizioni su vari altri settori, dalla sanità digitale all’Intelligenza Artificiale fino al reclutamento e alla stabilizzazione del personale giudiziario.

Le reazioni alle nuove misure sono state variegate. Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, ha sottolineato l’urgenza di accelerare sul fronte del Piano Transizione 5.0, evidenziando i ritardi accumulati. Dall’altra parte, la Cgil ha espresso preoccupazione per un presunto tradimento dell’impegno occupazionale per giovani e donne, mentre la Uil ha criticato il decreto definendolo “il gioco delle tre carte” per trovare i fondi per i progetti.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.