Cerca
Close this search box.

Le sfide e le prospettive delle fonti rinnovabili in Italia, rapporto da Rimini

eolico rinnovabili offshore greenit

Le imprese del settore delle fonti rinnovabili in Italia continuano a crescere nonostante le numerose difficoltà burocratiche e normative che persistono nel Paese. Secondo i rapporti presentati durante la fiera delle rinnovabili di Rimini, il settore ha registrato un aumento del 13% nel 2023, evidenziando sia la vitalità che gli ostacoli che caratterizzano l’ambiente delle energie pulite nel nostro paese.

Il rapporto “Geografia produttiva delle rinnovabili in Italia”, della Fondazione Symbola di Ermete Realacci, rivela che le imprese italiane nel settore delle energie rinnovabili sono aumentate del 13,2% rispetto all’anno precedente, raggiungendo quota 37.655. Queste imprese sono coinvolte in varie attività, dalla produzione di energia all’installazione e manutenzione, dal commercio alla consulenza.

La Lombardia si conferma come la regione leader con il maggior numero di imprese nel settore, seguita dal Lazio, dalla Campania, dalla Sicilia e dal Veneto. Queste cinque regioni rappresentano oltre la metà del totale delle imprese attive nelle energie rinnovabili in Italia.

Tuttavia, nonostante questo crescente interesse e impegno nel settore, il rapporto “Scacco matto alle rinnovabili” di Legambiente evidenzia numerosi problemi che continuano a ostacolare lo sviluppo delle energie pulite in Italia. Ritardi burocratici, normative obsolete e contenziosi legali rappresentano solo alcune delle sfide affrontate dalle imprese del settore.

Il presidente di Legambiente, Stefano Ciafani, denuncia il ruolo delle Regioni e delle Soprintendenze nel frenare la transizione ecologica e chiede una riforma normativa che semplifichi gli iter autorizzativi degli impianti e fornisca tempi certi alle procedure.

Anche il presidente di Anev, Simone Togni, critica le limitazioni imposte dal governo, come la moratoria sugli impianti eolici annunciata dalla presidente eletta della Sardegna, Alessandra Todde, e la bozza di Decreto del Mase sulle aree idonee per le rinnovabili.

Nonostante le sfide, il settore delle fonti rinnovabili rappresenta una risorsa preziosa per l’Italia, contribuendo alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e alla promozione di un’economia più sostenibile. Affrontare le difficoltà attuali e creare un ambiente normativo più favorevole diventa cruciale per sfruttare appieno il potenziale delle energie pulite nel nostro paese.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.