GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Inflazione, la Fed sta usando gli strumenti sbagliati?

dollaro inflazione ricchezza

I rialzi dei tassi della Federal Reserve hanno contribuito a rallentare i prezzi, ma l’inflazione rimane ostinatamente oltre la soglia voluta dagli economisti a causa del mondo degli immobili. Il problema infatti riguarderebbe il modo in cui i costi della casa entrano nelle metriche economiche, secondo l’esperto immobiliare Jim Parrott e Mark Zandi, capo economista di Moody’s Analytics.

In un editoriale del Washington Post i due hanno esortato la Fed a “dichiarare vittoria” sull’inflazione e iniziare a tagliare i tassi. I responsabili delle banche centrali si riuniranno la prossima settimana e i mercati si aspettano che mantengano i tassi stabili ai massimi degli ultimi 23 anni.

Sebbene l’inflazione al consumo sia scesa bruscamente rispetto al picco di due anni fa, è rimasta bloccata al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed, spingendo il presidente Jerome Powell a mantenere i tassi più alti più a lungo.

Ma questa posizione si basa su un “grave errore di valutazione”, secondo Parrott, che è stato consigliere economico della Casa Bianca durante l’amministrazione Obama. Il problema deriva dal modo in cui il deflatore delle spese per consumi personali, l’indicatore dell’inflazione preferito dalla Fed, e l’indice dei prezzi al consumo cercano di misurare il costo della proprietà della casa stimando l’affitto di una casa simile nelle vicinanze.

L’approccio è imperfetto, hanno scritto, perché la maggior parte dei proprietari di case non ha un mutuo o ha un mutuo a tasso fisso, il che significa che i loro costi effettivi non sono cambiati molto. Ma poiché le metriche dell’inflazione stimano un affitto fittizio basato sull’aumento dei prezzi reali che gli affittuari stanno pagando, i costi impliciti dei proprietari di case sono aumentati.

Inoltre, Parrott e Zandi hanno affermato che è “praticamente impossibile” stimare l’affitto implicito nelle comunità in cui la maggior parte delle case sono occupate dai legittimi proprietari.

Se la Fed abbandonasse questa ‘stranezza’ nella sua metodologia, allora l’inflazione sarebbe già oggi all’obiettivo del 2%, hanno detto.

Nel frattempo, l’aumento aggressivo della Fed ha peggiorato la scarsa offerta nel mercato immobiliare, rendendo più difficile la costruzione di nuove case.

“Questa rottura nella pipeline dell’offerta di abitazioni sta facendo alzare i costi per acquisti e affitti, facendo salire la misura stessa dell’inflazione su cui la Fed fa affidamento”, hanno scritto Parrott e Zandi. “Lo strumento che la Fed sta usando per far scendere l’inflazione sta facendo esattamente l’opposto”.

Dati recenti mostrano che, dopo il raffreddamento all’inizio di quest’anno, i prezzi degli affitti sono tornati a salire. Per permettersi comodamente l’affitto, è necessario guadagnare quasi 80.000 dollari all’anno, rispetto a meno di 60.000 dollari cinque anni fa, secondo Zillow.

E mentre ci sono alcuni segnali di debolezza dei prezzi delle case in alcuni mercati, i numeri a livello nazionale mostrano ancora che i prezzi sono in aumento.

Parrott e Zandi non sono gli unici commentatori che vedono la Fed ‘bloccata’. Il capo economista di Apollo, Torsten Sløk, ha dichiarato il mese scorso che i banchieri centrali sono in un circolo vizioso. “Si può chiamare questo il paradosso della riflessività del taglio della Fed: più insiste sul fatto che la prossima mossa dei tassi di interesse è un taglio, più le condizioni finanziarie si allenteranno, rendendo più difficile per la Fed, a sua volta, tagliare”, ha scritto.

Questa storia è stata originariamente pubblicata su Fortune.com

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.