GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

La filiale italiana di Dior (gruppo LVMH) è indagata per sfruttamento dei lavoratori

La filiale italiana di LVMH è stata coinvolta in un’indagine sulle pratiche di sfruttamento dei lavoratori.

L’unità dell’azienda francese del lusso che produce borse Dior avrebbe affidato il lavoro a imprese di proprietà cinese che maltrattano i lavoratori.

Un tribunale di Milano, che sta indagando sulla questione, ha dichiarato che il fenomeno delle presunte violazioni delle norme sui lavoratori da parte delle grandi aziende della moda in Italia non è un caso isolato e spesso viene compiuto per aumentare i profitti.

Il tribunale ha posto l’unità, denominata Manufactures Dior SRL e interamente posseduta da Christian Dior Italia SRL, sotto amministrazione giudiziaria lunedì, come riporta Reuters.

“Non si tratta di qualcosa di sporadico che riguarda singoli lotti di produzione, ma di un metodo di produzione generalizzato e consolidato”, si legge nel documento visionato dall’outlet.

Cosa sappiamo sull’indagine?

L’indagine ha riguardato quattro fornitori con sede vicino a Milano che impiegavano 32 persone, di cui due immigrati clandestini e altri sette privi di documentazione sufficiente.

La polizia locale ha ispezionato le fabbriche dei fornitori all’inizio dell’anno e ha scoperto che i lavoratori erano soggetti a “condizioni igieniche e sanitarie inferiori al minimo richiesto da un approccio etico”, si legge nel documento del tribunale.

Tra le pratiche più gravi, la sentenza ha rilevato che i dipendenti dormivano sul posto di lavoro solo per assicurarsi di essere “disponibili 24 ore su 24”. Sono stati inoltre rimossi i dispositivi di sicurezza sulle macchine per velocizzare le operazioni, riducendo così i costi di produzione a soli 53 euro per una borsa altrimenti venduta a 2.600 euro.

Nel caso della filiale italiana di LVMH, l’azienda ha subappaltato ad aziende del settore della pelletteria che, pur avendo sede nel Paese, sono risultate di proprietà cinese.

L’indagine non è di buon auspicio per un marchio di alto profilo come Dior, diretto da Delphine Arnault, figlia dell’amministratore delegato di LVMH Bernard Arnault. In termini di azione legale, la sentenza del tribunale milanese non implica direttamente un’indagine penale su Dior, piuttosto sui suoi fornitori che collegati a tali pratiche.

I rappresentanti di LVMH non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento di Fortune.

Succede spesso nell’industria del lusso?

Per anni, le aziende del lusso – e anche i rivenditori di fascia bassa – sono state collegate a richieste di lavoro forzato in Paesi come la Cina e l’India.

Questo implica che i rivenditori si rivolgono ai Paesi in via di sviluppo per ridurre i costi di produzione, ma spesso ciò è legato allo sfruttamento dei lavoratori.

Negli ultimi anni è aumentato il controllo sulla catena di fornitura dell’abbigliamento e sulle sue pratiche.

L’Italia è al centro di queste indagini perché ospita migliaia di piccoli produttori che rappresentano il 50-55% della produzione globale di abbigliamento e pelletteria di lusso, ha dichiarato la società di consulenza Bain a Reuters.

Come Dior, anche il gigante italiano della moda Giorgio Armani è stato indagato all’inizio di quest’anno dopo che un tribunale di Milano ha stabilito che l’azienda sottopagava le persone a 2-3 euro per lavorare circa 10 ore al giorno per un massimo di sette giorni alla settimana. Di conseguenza, l’azienda è stata posta sotto amministrazione giudiziaria.

Nel 2021, Inditex, proprietaria di Uniqlo e Zara, è stata coinvolta in un’indagine francese sulle pratiche di lavoro forzato relative alla comunità uigura cinese. Anche la svedese H&M sarebbe stata coinvolta in attività simili in Myanmar, tanto da essere oggetto di un’indagine che l’ha spinta a chiudere le attività nel Paese.

Questa storia è stata pubblicata originariamente su Fortune.com

(L’immagine in evidenza è di GETTY IMAGES).

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.