GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Lavoro, la ‘Grande Frustrazione’ dei dipendenti contagia i capi

Sei scocciato, deluso, annoiato? È probabile che lo siano anche colleghi e capi. Il mondo del lavoro fa i conti con un fenomeno, potremmo chiamarlo la ‘Grande Frustrazione’, che svuota di motivazione ed entusiasmo dipendenti e manager.

Il rischio fuga dai posti di lavoro non era così elevato dal 2015, rileva Gallup in un sondaggio recentemente pubblicato basato sulle risposte di oltre 19.800 adulti lo scorso maggio. Mentre il 51% dei dipendenti sta cercando attivamente un nuovo lavoro, molti scoprono che le proprie aspirazioni sono frenate da un mercato incredibilmente competitivo e complicato, definito da un processo di candidatura lungo e spesso faticoso.

Un mercato che lascia i lavoratori, in particolare quelli più giovani, con la sensazione di arrancare in una professione in cui non hanno investito del tutto. Sebbene i manager siano pubblicizzati come una delle soluzioni per colmare il gap tra aziende e dipendenti, sperimentano uno stato di disillusione analogo (se non maggiore).

“Nonostante il calo dell’impegno e le maggiori aspettative da parte dei datori di lavoro, il raffreddamento del mercato economico e di quello del lavoro ha intrappolato i dipendenti frustrati nella loro situazione attuale”, ha detto a Fortune Ben Wigert, coautore del rapporto e direttore della ricerca per la pratica di gestione del posto di lavoro di Gallup. E più giovane è il dipendente, più è probabile che sia alla ricerca di una nuova opportunità, forse a causa di una maggiore insoddisfazione o del desiderio di maggiore influenza per la natura di essere all’inizio della sua carriera.

Tutto ciò significa che le persone che avrebbero potuto battere il ferro mentre era caldo solo un paio di anni fa durante le Grandi Dimissioni si sentono demotivate. “Anche se questi dipendenti frustrati potevano lasciare l’azienda in condizioni di mercato precedenti, il calo delle assunzioni e l’aumento dell’inflazione aumentano sostanzialmente il rischio associato al cambiamento di lavoro”, ha aggiunto Wigert.

La fine delle Grandi Dimissioni

Non sorprende che l’impegno nei confronti dei datori di lavoro sia il più basso degli ultimi dieci anni. Covid-19, i recenti licenziamenti legati all’intelligenza artificiale e l’impennata dei profitti aziendali in un contesto di crescita lenta dei salari hanno solo ulteriormente dimostrato che, quando si tratta di tempi difficili, i dipendenti sono visti come sostituibili.

La pandemia e un mercato del lavoro forte hanno dato alle persone la possibilità di scegliere lavori che le valorizzassero di più, o almeno le pagassero meglio. Ora la forza lavoro prova ancora livelli simili di disincanto, ma non riesce ad andarsene.Ecco la nuova fase, successiva alle Grandi Dimissioni, segnata da una disillusione pervasiva rispetto al proprio lavoro e dal desiderio di andarsene, il tutto mentre il mercato fa sembrare (a seconda del settore) praticamente impossibile un cambio.

“Dopo aver visto i grandi benefici ottenuti dagli altri, i dipendenti hanno aspettative molto più elevate sul lavoro”, ha affermato Wigert, parlando di un forte calo del coinvolgimento dei dipendenti rispetto ai livelli record dell’inizio del 2020. Ora “i dipendenti sono diventati progressivamente meno soddisfatti e meno  coinvolti”.

L’articolo completo è disponibile su Fortune.com.

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.