fbpx

Salvini, quota 100 e reddito entro primavera

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quota 100 e reddito di cittadinanza, i due provvedimenti simbolo del governo giallo-verde arriveranno “all’inizio dell’anno, tempi tecnici permettendo” o comunque “entro la primavera”. A ribadirlo è il ministro dell’Interno Matteo Salvini che sul reddito precisa: “Chi ha un ricco conto in banca e pensa di fare il furbo, aggiungendo euro a euro, non ne vedrà uno”.

A chi gli ha chiesto come il governo intenda impedire di usufruire del reddito di cittadinanza a chi non ne ha diritto, Salvini ha spiegato che “stiamo incrociando tutte le banche dati, stiamo incrociando i redditi, ovviamente se uno ha due o tre case, o due o tre macchinoni, non vedrà un centesimo di euro”. “Vogliamo davvero aiutare gli ultimi, i dimenticati, quelli che il lavoro non lo cercano neanche più, a venti o a cinquant’anni”.

Mentre sulle pensioni rassicura: “Nessun pensionato italiano prenderà di meno nel 2019 rispetto al 2018”, scrive su Facebook, attaccando chi fa informazione per mestiere: “Uno legge i giornali che parlano di tagli, massacri. Ad eccezione delle pensioni d’oro, se non interamente coperte da contributi, nessuno prenderà un euro in meno nonostante la disinformazione“.

Leggi anche