fbpx

Data Room, 5G, Virtual Reality: a Sanremo le tecnologie Tim

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Una delle più antiche e celebri tradizioni italiane come trampolino di lancio verso il futuro: tecnologie come quelle legate ai Big Data, la virtual reality e il 5G vanno infatti a comporre il corollario costruito da Tim per il Festival di Sanremo, di cui l’azienda di telecomunicazioni è sponsor unico per il terzo anno.

Partiamo dai Big Data: la Tim Data Room, che analizza i dati digitali provenienti dalla rete, in occasione del Festival di Sanremo monitora ed evidenzia i trend legati agli argomenti inerenti le serate televisive, gli ospiti e i conduttori, nonché le opinioni espresse dalla rete sulla kermesse. Con la Data Room, Tim “mette a disposizione dati a trasmissioni televisive come il Prima Festival e il Dopo Festival, e i dati diventano notizia apprezzata anche dai giornalisti e dalle emittenti radiofoniche e televisive che seguono l’evento. Inoltre quest’anno Tim ha introdotto una novità proponendo ad ogni artista in gara, attraverso la Data Room, l’analisi delle proprie community social e della relativa comunicazione digitale”, spiega Mariano Tredicini, responsabile Social platforms di Tim, nell’ambito della sezione di Brand Strategy, Media & Multimedia Entertainment guidata da Luca Josi.

L’attività svolta a Sanremo è l’occasione di Tim per mostrare quanto siano avanzate le tecnologie e le competenze sviluppate nella Data Room. Come il suo team di data scientist, analisti, digital strategist ed esperti in data visualization renda fruibili i dati, permettendo a Tim e ad altri partner di adottare un approccio decisionale data-driven: “l’analisi dei dati ha un enorme valore per le aziende e lavorare in tempo reale lo amplifica”, dichiara Tredicini. “L’ascolto diventa un asset imprescindibile per comprendere la ‘voce della rete’, come ad esempio le richieste di clienti e la percezione da parte dell’audience digitale di tutte le azioni messe in campo da un brand. Valorizzare qualsiasi comunicazione anche sul digital diventa sempre più fondamentale”. In diverse altre occasioni la “Tim Data Room ha lavorato con analisi svolte in tempo reale migliorando le performance costantemente per importanti trasmissioni televisive in diretta, come ad esempio per Matrix. Sanremo diventa una sfida avvincente e articolata per il team della Data Room che genera insight utili e soprattutto di grande valore in tempo reale”.

Ma come lavora nel concreto la Data Room di Tim? Innanzitutto i dati analizzati “vengono raccolti in forma aggregata”, ricorda Tredicini. “Per svolgere queste attività si è raggiunto negli anni un equilibrio tra tecnologia e competenza umana. I big data raccolti vanno a costituire data set di enormi dimensioni. Questi ultimi vengono ‘ridotti’ attraverso una tecnica di ottimizzazione delle informazioni non utili ai fini della specifica analisi, la cosiddetta fase di data cleaning. Successivamente vengono analizzati attraverso tecniche manuali dal team per estrarre gli insight più importanti e per l’individuazione dei pattern ricorrenti. I risultati si traducono poi in grafica statica e dinamica”.

Un esempio del lavoro della Data Room sono i dati raccolti durante la terza serata del Festival: il picco principale di tweet con #Sanremo2019 è avvenuto tra le 22:44 e le 22:45, quando Ornella Vanoni sul palco ha fatto impennare le conversazioni dichiarando ironicamente di essere venuta come ospite al Festival “gratis”, prima di abbracciare Patty Pravo. Tra i cantanti che si sono esibiti i più menzionati su Twitter (tra mention, risposte e retweet) sono: Briga e Patty Pravo (5800 tweet), Simone Cristicchi (3200 tweet), Irama (2500 tweet), Ultimo (2200 tweet) e Anna Tatangelo (1600 tweet). L’ ospite della terza serata del Festival più menzionato su Twitter (tra mention, risposte e retweet) è Alessandra Amoroso con 6500 mention. I 10 hashtag più utilizzati su Twitter con #Sanremo2019 sono stati: #sanremo19, #unpocomelavita, #briga, #AmorosoSanremo, #pravobriga, #festivaldisanremo, #festivaldisanremo2019, #AbbiCuraDiMe, #Sanremo, #Sanremmo2019.

Tra gli hashtag più twittati c’è anche #TIMMUSIC, legato al premio che verrà consegnato al brano in gara più ascoltato in streaming su TIMMUSIC nei giorni del Festival. Possono partecipare all’assegnazione del premio non solo i clienti Tim, ma anche tutti gli appassionati della musica italiana ai quali la compagnia ha reso disponibile gratuitamente l’accesso alla piattaforma per il mese di febbraio.

Ma non c’è solo la Data Room: in occasione del Festival Tim ha acceso nella città dei fiori le prime antenne per la nuova rete 5G. Sanremo è quindi tra le prime città d’Italia ad essere dotate di questa nuova tecnologia, grazie alla quale verrà coperta tutta l’area del centro della città. Per far apprezzare le potenzialità della nuova tecnologia, Tim ha offerto al pubblico sanremese l’innovativo servizio di video streaming live 4K 360°, in Virtual reality. Recandosi nei corner dedicati al Forte Santa Tecla, in Piazza Cristoforo Colombo e nella sala stampa del Teatro Ariston, i visitatori vengono trasportati negli eventi che hanno luogo in Piazza Cristoforo Colombo, permettendo la visita immersiva della scena attraverso l’utilizzo di una telecamera ad alta definizione e sfruttando le potenzialità del 5G. Si tratta di una tecnologia innovativa che, secondo Tim, abilita nuovi scenari negli ambiti, ad esempio, del turismo, della pubblica sicurezza e dell’Industry 4.0. Sempre presso Piazza Cristoforo Colombo e il Forte Santa Tecla è inoltre possibile sperimentare un servizio di visite guidate che rientrano nei progetti legati al turismo digitale: i visitatori sono accompagnati in un tour immersivo di Piazza Navona a Roma e delle Gallerie Pietro Micca di Torino, attraverso l’utilizzo di occhiali per la Virtual reality, con la possibilità di interagire con una guida reale del museo ed esplorare aree attualmente non accessibili al pubblico.