fbpx

Decretone, pioggia emendamenti. Lega: con Rdc obbligo servizio civile

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Sono 1.560 le proposte di modifica ai 29 articoli del dl su reddito e pensioni, e tra queste ne spunta una della Lega che vorrebbe inserire un anno di servizio civile obbligatorio per i richiedenti il reddito di cittadinanza che abbiano tra i 18 ed i 28 anni. Mentre tra gli emendamenti a Cinquestelle ci sarebbe l’ampliamento del reddito di cittadinanza per le famiglie numerose. Ma non solo.

Il M5S non ha dubbi: è necessario ampliare la scala di equivalenza in base alla quale sono selezionate le famiglie beneficiarie del reddito di cittadinanza, per favorire quelle più numerose con figli minori. La ‘nuova’ scala di equivalenza, si legge nell’emendamento proposto, “è pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare ed è incrementato di 0,3 per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2,5”. Il precedente parametro era 0,2 a minore, per un massimo di 2,1.

Mentre la Lega di Matteo Salvini vorrebbe introdurre l’anno di servizio civile obbligatorio per i giovani. La norma si applica a chi non abbia già svolto il servizio civile universale e richiede una “presenza media settimanale di 25 ore”. La gestione viene delegata dal dipartimento per i Giovani alle Regioni, mentre ai centri per l’impiego spetta il controllo. Tra gli emendamenti firmati dalla Lega, poi, il paletto ‘antidivano’ sulla distribuzione del Rdc che prevede come requisito per beneficiare del reddito che almeno uno dei componenti del nucleo familiare “abbia corrisposto, nei dieci anni precedenti, imposte e contributi da lavoro, in un qualsiasi importo e per almeno 24 mesi, anche non continuativi”. Un altro emendamento chiede che ogni mese arrivi all’Inps l’attestato dell’adempimento degli obblighi prima dell’accredito mensile del reddito. Inoltre, paletti ancora più stringenti per limitare la platea degli stranieri che possono accedere al Reddito: con una delle proposte di modifica presentate in commissione Lavoro al Senato si esclude la possibilità che per chiedere il Reddito sia sufficiente la presenza di un familiare in possesso di un permesso di soggiorno mentre un altro emendamento stabilisce l’obbligo di certificazione, tradotta in italiano, della composizione del nucleo.

Ma sapere qualcosa di più bisognerà aspettare qualche giorno: il testo, attualmente all’esame della Commissione Lavoro del Senato, è atteso al momento in Aula martedì 19 febbraio.

Leggi anche