27 Marzo 2019

Renault-Nissan: prima fusione, poi si punta a Fca

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Da alleanza a fusione, per poi puntare su Fiat Chrysler Automobiles. Idee chiare per il nuovo management della casa automobilistica Renault, che punta a riavviare entro 12 mesi i colloqui con Nissan per arrivare a una fusione dei due colossi, e poi acquistare un altro gruppo, dito puntato su Fca per la quale ci sarebbe una spiccata preferenza. Le indiscrezioni arrivano dal Financial Times, che ha citato diverse persone a conoscenza dei piani di Renault. Il piano è parte di una nuova strategia, adottata dopo l’arresto dell’ex numero uno di Renault Carlos Ghosn e la nomina del nuovo presidente, Jean-Dominique Senard, alla guida del board dell’alleanza franco-nipponica.

Fca non ha rilasciato commenti, ma dopo la notizia ha aperto in deciso rialzo a Piazza Affari. Dopo i primi scambi il titolo avanza del 3,48% a 13,54 euro.

Il Financial Times ricorda che sia Renault che Nissan hanno affermato pubblicamente di essere impegnate a far funzionare bene l’alleanza prima di mettere mano alla struttura del capitale. Ma la recente creazione di un board dell’alleanza franco-nipponica, che include anche Mitsubishi, guidato da Senard ha aumentato la fiducia che i piani di fusione possano procedere. Una volta completato il merger, secondo la ricostruzione dell’Ft, Renault-Nissan-Mitsubishi cercherebbero un’ulteriore acquisizione per rafforzare il business e competere ad armi pari con Volkswagen e Toyota nel mercato globale dell’auto.

Fca era già stata oggetto di attenzione da parte di Ghosn due-tre anni fa ma il progetto aveva incontrato l’opposizione del governo francese, azionista di Renault con il 15% del capitale e diritti di voto doppi. La stessa Fca è alla ricerca di un partner con il presidente John Elkann che sta incontrando, scrive l’Ft, diversi concorrenti, tra cui la francese Psa, allo scopo di individuare un alleato con cui crescere e rafforzarsi. “Nonostante sia un produttore di medie dimensioni con una produzione di 5 milioni di auto all’anno”, scrive l’Ft, Fca sarebbe tuttavia “un target un po’ caro, con una capitalizzazione di mercato di oltre 20 miliardi di euro” a fronte di un valore di mercato combinato di Nissan, Renaul e Mitsubishi superiore ai 50 miliardi.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.