CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Exco 2019, ecco le imprese che scommettono sulla cooperazione

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Dall’edilizia, alle attrezzature sanitarie, passando per l’energia, la logistica, i trasporti e la trasformazione delle materie prime fino agli sviluppi dell’agricoltura ma anche della sicurezza e la conservazione degli alimenti. Sono questi alcuni settori su cui si concentreranno oltre 200 aziende tra italiane e straniere che si sono date appuntamento, dal 15 al 17 maggio, per Exco2019 la prima e unica fiera rivolta alla cooperazione secondo il punto di vista delle aziende. All’appuntamento, ideato e realizzato da Fiera Roma, Diplomacy e Sustainaway partecipa Cassa Depositi e Prestiti, Confidustria, l’Ente nazionale per il microcredito, ma anche AOI, l’Associazione delle ONG Italiane, l’Asvis- Alleanza Italiana per lo Sviluppo sostenibile e Save the children italiaonlus.

Ma sono le aziende il vero core business dell’iniziativa che si propone proprio questo: fare affari con la cooperazione, con appositi spazi per gli incontri tra le imprese e i potenziali buyer, assieme a tutti quegli istituiti e società finanziarie che operano in questo settore. La Cooperazione internazionale intesa, così come prescrive la stessa Legge 125/2014, non quale mero impegno di beneficenza, ma come braccio operativo della politica estera dell’Italia con il sistema fieristico che può farsi compartecipe di questo cambiamento di prospettiva, ideologico e concreto.

Ci crede ad esempio la De Lorenzo Spa. Un’eccellenza italiana che opera per lo sviluppo delle competenze tecniche e professionali in più di 160 paesi nel mondo e negli ultimi 30 anni ha moltiplicato i progetti e i contratti in ben 25 paesi africani. “La nostra missione è rendere l’educazione e la formazione tecnica e professionale accessibile a tutti, in quanto riteniamo che formare i giovani adeguatamente sia un passo fondamentale per lo sviluppo e il futuro di un paese, anche in previsione degli obiettivi dell’agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile” – spiega a Fortune Italia, Filippo Prosperi, Business Development Director della De Lorenzo S.p.A., società leader italiana specializzata nella produzione e fornitura di materiale per l’educazione e la formazione tecnica e professionale.

Ma anche la siciliana Irritec fa parte della partita. Azienda leader nel mondo nell’irrigazione intelligente ha come mission di migliorare l’efficienza dell’approvvigionamento idrico, con grande attenzione all’impatto ambientale. Con 11 stabilimenti e più di 700 lavoratori, Irritec ha centri di produzione e uffici di vendita in Italia, Spagna, Messico, Brasile, USA, Algeria, Germania e Cile. Ha appena lanciato il suo impegno per l’eco-sostenibilità: “Green Fields”, che incoraggia i contadini a smaltire correttamente i rifiuti, possibilmente riciclandoli, e che ha fatto della azienda un’eccellenza nell’economia circolare. In Africa, ad esempio, si segnala l’impegno di Irritec nel progetto “employ”, che migliora la vita di 20mila contadini di 100 villaggi della regione etiope di Woilata, insegnando loro tecniche agricole e di irrigazione ad hoc.

Tra le tante società si segnala anche Nasoallinsù, un’azienda della provincia di Varese, impegnata nella progettazione e realizzazione di prodotti per l’emergenza sanitaria e civile, in scenari che impongono la rapidità di intervento e azione nell’approntare i dispositivi di soccorso, nell’allestire un luogo di ricovero, di pronto intervento, un’area di sosta o un laboratorio di lavoro. Ma anche Euroguarco, azienda che realizza forniture per il settore navale chimico, dei trasporti e della cantieristica, oil & gas e dell’industria sanitaria. Realizza e fornisce guarnizioni, valvole, isolanti e interiors a cantieri e aziende anche esteri. Proprio grazie all’esperienza internazionale, ha deciso di dare vita a un consorzio di aziende, per essere più competitive sul mercato estero.

Ad Exco2019 ci sarà anche RI spa azienda attiva nella progettazione e costruzione di sistemi modulari per edifici da oltre 30 anni. Guidata da un team di esperti con uno spirito imprenditoriale profondo, RI ha consegnato numerosi progetti di successo in Italia, Africa, America, Australia, Europa e Medio Oriente. Storicamente con sede nel sud Italia, RI ha poi portato i suoi uffici in Afghanistan, Australia, Austria, Gibuti, Kosovo e Libano, Paesi dove l’azienda ha ottenuto un successo significativo. Oggi è leader di mercato nel campo della costruzione di edifici prefabbricati e continua a fornire soluzioni innovative, efficienti e di qualità in tutto il mondo.

Ci sono anche le startup che si affacciano con convinzione nel mondo della cooperazione. Come SF System specializzata in sviluppo e costruzione di impianti industriali con particolare focus sulle energie rinnovabili e gli impianti fotovoltaici. Hanno inventato solarfertigation, un innovativo sistema di fertilizzazione e irrigazione automatica che si pone come obiettivo quello di traghettare i sistemi di fertirrigazione nell’era dell’automazione e dell’intelligenza artificiale integrando il modulo fisico con il concetto di Internet of Things. Il sistema, difatti, è dotato di un software che, attraverso un database agronomico, rappresenta un supporto alle decisioni dell’agricoltore e di un hardware capace di conferire automatismo alle azioni di fertilizzazione e irrigazione, attraverso una interfaccia web e mobile di facile utilizzo, dalla quale è possibile effettuare tutte le operazioni di fertilizzazione e irrigazione sia in tempo reale che con eventi programmati.

“Sono solo alcuni esempi di aziende italiane che hanno scommesso sulla cooperazione sostenibile, condivisa e profit – spiega Pietro PIccinetti, Amministratore unico di Fiera Roma – accanto ai colossi, penso ad Enel Green Power o Cassa Depositi e Prestiti. L’obiettivo della nostra manifestazione è far conoscere e mettere in connessione con tutti gli altri attori del settore anche queste realtà produttive che sono l’eccellenza del made in Italy anche perché sanno coniugare cooperazione e business che è il nuovo asset economico dei prossimi anni e lo strumento ideale per creare ricchezza e lavoro nei paesi coinvolti in progetti di cooperazione”.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.