fbpx

Iccrea, l’addio di Rubattu. Ora si cerca nuovo dg

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Leonardo Rubattu non sarà più il direttore generale del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea: il 15 giugno lascerà l’incarico “per valutare nuove sfide professionali”, si legge in una nota. Rubattu, nei suoi 10 anni di lavoro con Iccrea, di cui 8 nel ruolo di direttore generale, ha realizzato il riposizionamento strategico e il rilancio di Iccrea Banca (tra il 2011 e il 2015) e ha guidato il complesso e originale processo di riforma del credito cooperativo, iniziato nel febbraio 2016 e culminato con l’iscrizione del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea all’albo dei gruppi bancari, lo scorso 4 marzo.

Con l’iscrizione le 142 Bcc, Iccrea Banca e le società direttamente e indirettamente controllate da Iccrea hanno dato origine al primo Gruppo bancario a capitale interamente italiano e al più grande Gruppo bancario cooperativo in Italia. Al 31 dicembre 2018, il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea può già contare su più di 4 milioni di clienti, oltre 2.600 sportelli presenti in 1.745 comuni italiani, un attivo di circa 150,2 miliardi di euro e fondi propri per circa 11,3 miliardi di euro. Queste dimensioni collocano complessivamente il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea tra i primi 4 gruppi bancari italiani.

“Con l’iscrizione all’albo”, ha commentato il presidente di Iccrea Banca, Giuseppe Maino, “si è concluso un ciclo triennale particolarmente impegnativo. Un ciclo che ha richiesto grande capacità di visione strategica, di innovazione e di gestione della complessità. La professionalità, la competenza e le attitudini manageriali di Leonardo Rubattu sono state determinanti per portare a termine con successo questa fase storica del credito cooperativo, caratterizzata da grande discontinuità e complessità”.

Inizia ora una fase di implementazione e di coinvolgimento delle BCC aderenti, ha aggiunto Maino, “con l’obiettivo di consolidare e tradurre in iniziative concrete la visione di un gruppo originale, che pone al centro le banche di credito cooperativo. Il Cda ha quindi ritenuto opportuno rafforzare il profilo di esperienza territoriale del vertice aziendale”.

“Sono grato al Gruppo Iccrea – ha dichiarato Rubattu – per avermi dato fiducia e avermi permesso di portare a termine, dal 2011 ad oggi, un intenso programma di riposizionamento strategico e industriale, nonché di avermi affidato la realizzazione di questa storica riforma del credito cooperativo. È stata un’esperienza umana e manageriale straordinaria. Ringrazio le mie colleghe e i miei colleghi per la determinazione, competenza e abnegazione. Ringrazio i presidenti e i direttori generali delle 142 banche di credito cooperativo aderenti per la fiducia e lo spirito di collaborazione, sempre costruttivo: a loro e ai miei colleghi va il merito per gli straordinari risultati realizzati in questi 10 anni”. Nei prossimi giorni il consiglio di amministrazione di Iccrea Banca sarà chiamato a valutare e selezionare il profilo del nuovo direttore generale.