fbpx

3 Giugno 2019

Dazi, Wall Street avverte: è rischio recessione globale

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La tensione commerciale alimentata dallo scontro Cina-Usa non si smorza, e guida l’economia globale verso previsioni infauste. Le grandi banche di Wall Street mettono in guardia gli investitori sui rischi crescenti di una recessione a portata globale nel caso in cui la questione ‘dazi’ non andasse incontro a una risoluzione positiva. Morgan Stanley prevede la possibilità di recessione globale entro 9 mesi nel caso in cui Donald Trump dovesse applicare una tariffa del 25% su altri 300 miliardi di dollari di import da Pechino.

Il report arriva a distanza di un mese da quello con cui Jp Morgan ha alzato dal 25 al 40% la probabilità di una recessione negli Usa nella seconda metà del 2019. A sua volta Goldman Sachs, ritenendo probabile che Trump imponga un dazio del 10% sulle restanti importazioni cinesi non ancora toccate e su quelle messicane, ha ridotto le sue stime di crescita degli Usa nel secondo semestre di circa un punto percentuale, al 2%, rivedendo al rialzo la probabilità di un taglio dei tassi da parte della Fed.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.