fbpx

3 Giugno 2019

Salvini alza tensione con M5s, avanti se ok taglio tasse

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Michela Suglia – È legato ai sì, purché siano tutti a pronunciarli, e soprattutto al sì al taglio delle tasse, il futuro del governo giallo-verde. A tracciare l’orizzonte per andare avanti è Matteo Salvini che, nel giorno della festa della Repubblica, conficca i suoi paletti nell’alleanza con i 5 Stelle, puntando ancora una volta sul fisco e avvertendo: “basta liti e polemiche”. “Il governo va avanti se mantiene l’impegno di tagliare le tasse, presto e bene”, sentenzia il vicepremier appena finita la parata ai Fori imperiali – Con Tria abbiamo ragionato di tasse e Europa, uno choc fiscale è l’unico modo per rilanciare l’Italia”. In alternativa, si torna al voto fa intendere “perché non abbiamo tempo da perdere”.

Intanto da Bruxelles, in attesa del parere di mercoledì alla lettera inviata da Roma sui conti italiani, è il commissario europeo agli affari economici Pierre Moscovici a precisare che “l’Europa è una comproprietà”, e quindi bene il dialogo ma “ci sono regole che tutti osservano e non può esserci nemmeno uno che se ne disinteressi”. Sulla sorte del governo Conte pendono, insomma, molte incognite. Qualcuna potrebbe scioglierla oggi il premier nella conferenza stampa annunciata per “fare chiarezza”, dopo “l’eccitazione” da campagna elettorale che ora va superata per decidere se proseguire l’esperienza dell’esecutivo, e se farlo tutti insieme.

Sostenuto dagli incoraggiamenti a non mollare, da selfie e strette di mano dei cittadini lungo la parata, Conte ha incassato pure il sostegno del Papa. Di ritorno dalla Romania, Bergoglio ha riferito di averlo incontrato in “una bella udienza”, trovandosi di fronte “un uomo intelligente, un professore, che sa di cosa parla”.

Ha il suono invece di una frenata, sul fronte tasse, quella del governatore di Bankitalia che dal festival dell’Economia di Trento replica implicitamente a Salvini: “credo che qualsiasi intervento fiscale vada inserito in un quadro organico di revisione del sistema – spiega, incalzato sulla flat tax – Occorre riflettere sugli effetti redistributivi degli interventi”. In sostanza, piuttosto che misure spot “su una singola imposta”, per Visco è meglio concentrarsi su una riforma complessiva del fisco, che premi lavoro e impresa.

Sull’argomento tace il Movimento 5 Stelle, preso forse dalla fibrillazione interna innescata dal presidente Roberto Fico che dedica il 2 giugno anche a migranti, rom e sinti, con l’immediata irritazione del ministro dell’Interno e la successiva presa di distanza di Luigi Di Maio. “È una sua opinione. Lui è il presidente della Camera, io il capo politico del M5S”, distingue il capo politico pentastellato.

Torna invece il botta e risposta tra alleati dopo lo scontro a Venezia tra una nave da crociera e un battello. Per Salvini l’incidente si poteva evitare, se il Movimento avesse detto sì all’allargamento di un canale e una parte delle navi a Porto Marghera. Una soluzione elaborata l’anno scorso, ricorda il leghista in un comizio a Tivoli. Ma “tutto ciò è bloccato da mesi perché è arrivato un ‘no’ da un ministero romano, e non è un ministero della Lega”, rimarca. I 5 Stelle non ci stanno e rispondono ricordando che nessuna proposta è mai arrivata. “Se la Lega ha un piano per risolvere tutto, domani lo presenti. Non siamo gelosi”, fanno sapere.

Un altro focolaio di tensioni potrebbe aprirsi nel centrodestra, dopo l’annuncio del forzista Giovanni Toti di un’assemblea di elettori, a Roma il 6 luglio. “Non vorrei lanciare un movimento – mette le mani avanti il governatore sempre più vicino alla Lega che al suo partito – Non cerco di fare l’ennesima scissione, vorrei vedere tutta Forza Italia”. E chiarisce l’obiettivo: “Costruire un centrodestra con un’anima leghista ma anche moderata, riformista, popolare, cattolica, socialista riformista”.

Aldilà dal punto che Conte farà oggi con la stampa, Salvini ribadisce l’impegno ad andare avanti con l’alleato con cui ha “lavorato bene per 11 mesi”, prima dell’ultimo, segnato dagli attacchi e dai no, complice la campagna per le Europee. Non a caso ribadisce la sua disponibilità per un Consiglio dei ministri venerdì, dopo gli impegni all’estero di Conte. E anzi azzarda: “Venerdì il Cdm dovrebbe esserci e sarà approvato il decreto sicurezza bis”.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.