fbpx

Sviluppo sostenibile: solo 1 giovane su 5 conosce obiettivi Onu

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un quarto dell’inquinamento atmosferico del pianeta deriva dalla produzione agricola. Proprio per questo il settore agroalimentare gioca un ruolo chiave nell’abbattimento dei gas serra. E la riduzione dello ‘spreco alimentare’ è un tassello del puzzle importante contro la lotta all’inquinamento. Oggi parlare di Agenda 2030 significa rivolgersi a una nicchia di giovani, ossia al 10% dei 14-15enni (20% quando parliamo di 16-27enni). Tra i ragazzi c’è attenzione ai cambiamenti climatici, ma meno di 1 su 5 sa cosa siano davvero i 17 Obiettivi. E anche tra coloro che li conoscono è minoritaria (29%) la consapevolezza che il loro raggiungimento passi dall’adozione di un sistema alimentare sostenibile. È questa la fotografia scattata da Ipsos per Fondazione Barilla, che ha coinvolto 800 giovani tra i 14 e i 27 anni in tutta Italia, per capire cosa sanno di SDGs e del ruolo che gioca il cibo nel loro raggiungimento. La ricerca è stata presentata all’evento ASviS, organizzato in occasione del Festival dello sviluppo sostenibile a Roma, dal titolo “Salute, Alimentazione e Agricoltura Sostenibile: educare gli adulti di domani”.

A poco più di 10 anni  dalla data fissata dall’Onu per raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, le giovani generazioni non solo consapevoli dell’urgenza di dar vita a un cambiamento reale. Solo il 17% degli under 27 sa cosa siano gli SDGs e per 6 su 10 a raggiungerli ci dovranno pensare le generazioni future. Se si parla di ‘sostenibilità’ si scopre poi che è un concetto familiare al 40% degli intervistati, ma pochi conoscono il nesso che la collega alla produzione di cibo. Solo 1 su 3, tra chi conosce la sostenibilità, pensa che il benessere del Pianeta dipenda anche da cosa mettiamo nel piatto. Ma un giovane su 2 pensa che sia importante non sprecare cibo.

“SDGs e cibo devono andare a braccetto per arrivare al 2030 in una condizione migliore di quella attuale. Il nostro Pianeta sta bruciando e il tempo per salvarlo è poco, ma tanti giovani non sembrano esserne consapevoli”, afferma Anna Ruggerini, Direttore operativo di Fondazione Barilla. “Solo 2 under 27 su 5 adottano diete sostenibili, come la dieta mediterranea, forse perché non hanno chiara l’importanza che questo modello alimentare può ricoprire per la salute nostra e del Pianeta. Fondazione Barilla ha avviato un programma educativo, in protocollo con il MIUR, per parlare ai docenti e ai loro studenti, proprio di cibo e sostenibilità. Un impegno pluriennale, perché il nostro futuro passa da lì”, aggiunge.

Di giovani e lotta ai cambiamenti climatici si è molto parlato, grazie anche al movimento #FridaysForFuture e all’impegno di Greta Thunberg, che ha contagiato i ragazzi italiani. Un 14-15enne su quattro ha aderito a #FridaysForFuture e circa 6 giovani su 10 ne condividono i messaggi. In generale, quando si affrontano questi temi la percezione dell’urgenza di intervenire emerge chiara, tanto che per l’84% dei 18-24enni italiani “stiamo andando incontro a un disastro ambientale se non cambiamo subito le nostre abitudini”. Eppure, sempre secondo la ricerca Ipsos – Fondazione Barilla, solo 4 giovani intervistati su 10 sembrano conoscere davvero il concetto di sostenibilità. La conoscenza aumenta con il crescere dell’età (29% tra i 14-15enni; 36% tra i 16-19enni; 43% tra i 20-23enni; 52% tra i 24-27enni), del grado di istruzione (52%) e del tenore di vita più alto delle famiglie (53%). Eppure, come spesso accade anche fra i più grandi, i ragazzi sono portati a mettere in relazione la sostenibilità solo agli aspetti ambientali, mentre restano sullo sfondo temi, altrettanto importanti, della sostenibilità associata all’economia (13%), alla società (9%), al cibo e all’alimentazione (9%).

Se allarghiamo lo sguardo fuori dai confini nazionali, scopriamo che il tema ambientale ricopre un ruolo centrale nel dibattito globale. Per l’80% degli italiani (84% dei 18-24enni) “stiamo andando incontro a un disastro ambientale se non cambiamo subito le nostre abitudini”. Più allarmati – in Europa – sono solo i tedeschi (85%), meno sensibili al tema appaiono grandi Paesi come Russia (78%), U.S.A. (70%) e Gran Bretagna (67%). Se invece guardiamo a comportamenti concreti, il 68% dei giovani italiani tra 18 e 24 anni (dato che scende al 64% per il totale della popolazione) sono convinti che “in futuro avranno più successo i prodotti in grado di contribuire positivamente alla società”. Una certezza che sembra accomunarci a Germania (65%), Russia (64%), Francia (62%) e Spagna (61%). Chi ritiene questa visione più rilevante, invece, sono Paesi emergenti come India (83%) e Brasile (74%) o grandi economie come la Cina (80%).

Alla tavola rotonda dell’evento hanno partecipato: Marcella Gargano, Direttrice Generale degli Uffici di diretta collaborazione del Ministero dell’ Istruzione, dell’ Università e Ricerca, Mario Iannotti, Direzione Generale Sviluppo Sostenibile, Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Gabriele Riccardi, Professore di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università di Napoli “Federico II”, Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, Massimo Gigliotti, Coordinatore Sdsn Youth – Med e Friday for Future Siena.