Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
pfizer

Istat, crescono gli occupati (ma sono soprattutto a termine)

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
lavoro epilessia

Qualcosa si muove nel mercato del lavoro, anche se si tratta soprattutto di contratti a tempo determinato e sebbene i livelli pre Covid restino ancora lontani. Lo certifica l’Istat secondo cui nel secondo trimestre 2021 si registra un aumento di 338 mila occupati (+1,5%) rispetto al trimestre precedente e una crescita di 523 mila unità sullo stesso periodo del 2020. La crescita congiunturale è legata in particolare all’aumento del numero dei dipendenti a termine (+226.000, +8,3%) a fronte di una crescita di 80 mila unità di quelli che hanno ottenuto un contratto tempo indeterminato (+0,5%) e di 33 mila indipendenti (+0,7%).

Cala il tasso di dosoccupazione

Il tasso di disoccupazione tra i 15 e i 74 anni cala nel secondo trimestre del 2021 al 9,8% con una diminuzione di 0,3 punti sul primo e di 1,7 punti sullo stesso periodo del 2020. I disoccupati nel periodo sono 2.459.000 in calo del 2,2% sul trimestre precedente e del 27% sullo stesso periodo del 2020. Si considera senza lavoro anche chi è in cassa integrazione da oltre tre mesi.

Livelli pre Covid

All’appello rispetto allo stesso trimestre del 2019 mancano 678.000 occupati. E, soprattutto, l’Istat conferma che a essere state penalizzate sono soprattutto le donne. In particolare sono al lavoro 370.000 donne in meno (-3,7% a fronte del -2,3% degli uomini). Gli occupati tra i 15 e i 34 anni sono 199.000 in meno sul secondo trimestre del 2019. (-3,8%). Nel secondo trimestre 2021 la fascia tra i 15-34 anni al lavoro ha avuto una crescita sul 2020 maggiore rispetto alla media.

Ore lavorate

Rispetto al trimestre precedente, le ore lavorate per dipendente sono cresciute del 3,4%, con la cassa integrazione che si abbassa a 78,7 ore ogni mille ore lavorate. Il tasso dei posti vacanti aumenta di 0,6 punti su base congiunturale e di 1 su base annua. Il costo del lavoro, per unità di lavoro, cresce dello 0,6% congiunturale, con un aumento più sostenuto delle retribuzioni (+0,7%). Su base annua si rileva un calo del costo del lavoro del 3,1% (retribuzioni -2,3%). L’input di lavoro, misurato dalle ore lavorate, registra un aumento del 3,9% rispetto al trimestre precedente e del 20,8% rispetto al secondo trimestre 2020.

 

Connect The Intelligent
Innova Finance
servier 3

Leggi anche

ttg
servier box 2
data factor
omron
pfizer

I più letti