Caro bolletta, in Cdm salta il contributo di solidarietà

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Enel 2022

L’idea era quella di togliere ai redditi più alti, sopra i 75mila euro, per dare ai più poveri . In particolare, per aiutare ad affrontare il caro bolletta. Ma l’ipotesi di introdurre un contributo di solidarietà, avanzata dal presidente del Consiglio Mario Draghi nel corso della cabina di regia che ha preceduto il Consiglio dei ministri, si è infranta contro il no – per la verità prevedibile – del centrodestra e di Italia viva.

Per affrontare, almeno in parte, l’emergenza che si profila all’orizzonte nelle pieghe del bilancio dello Stato sono stati trovati dunque ulteriori 300 milioni di euro. Ma intanto le discussioni all’interno della maggioranza lasciano il segno, con il consiglio dei ministri che viene interrotto per poi riprendere dopo il naufragio di ogni possibilità d’intesa. Sull’ipotesi c‘era infatti  l’ok di Pd, Leu e M5s e l’opposizione di Lega, Fi e Iv.

Draghi ha tentato di mediare, sentendo telefonicamente anche i sindacati, ma alla fine ha dovuto arrendersi di fronte all’evidente stallo sulla proposta. Il compromesso è stato, appunto, quello di trovare nel bilancio nuove risorse da dedicare.

Complessivamente, quindi, gli stanziamenti in manovra contro il caro bollette saranno di circa 800 milioni: i 300 milioni si vanno ad aggiungere ai 500 ricavati dalle minori risorse che la riforma di Irpef e Irap assorbirà per il 2022.

Leggi anche

BITPANDA
INFRATEL

Ultim'ora

Fortune Italia
ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.

Fortune Italia