cdp banner 1
cdp banner 2
A2A 3

Il mercato degli occhiali si è ripreso: nel 2021 i livelli del 2019

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Mido occhiali occhialeria Safilo Marcolin
Aboca banner articolo

Il mercato degli occhiali si è ripreso: a fine 2021, tornerà ai livelli pre pandemia del 2019. La previsione è di Anfao (Associazione nazionale fabbricanti articoli ottici, aderente a Confindustria Moda).

Nel corso della sua assemblea di fine anno l’associazione ha presentato i dati del settore occhialeria aggiornati a settembre 2021. I primi nove mesi dell’anno confermano ottimismo: i dati ANFAO, infatti, riferiti al periodo gennaio-settembre migliorano ulteriormente le attese della prima parte dell’anno e prospettano un ritorno completo ai valori del 2019 già a fine anno.

Nonostante la ripresa della pandemia a livello internazionale, le aspettative sul futuro si mantengono quindi positive. A guidare la ripresa sono soprattutto le montature da vista per le esportazioni e le lenti oftalmiche nel mercato interno. I principali mercati di esportazione dell’occhialeria italiana sono tutti in ripresa, per alcuni di questi gli occhiali sono già tornati ai valori pre-Covid.

Anfato ricorda che ci sono ancora dei fattori critici che potrebbero minare la ripresa generale a cominciare dalla sostanziale incertezza che le varianti infondono sull’andamento della pandemia e delle campagne vaccinali.

In Italia poi saranno da monitorare bene l’andamento dell’inflazione e gli annunciati rincari dell’energia, la spinta alla ripresa dovuta al settore delle costruzioni (è sostenibile nel medio-lungo?) e soprattutto il rispetto delle condizioni imposte dall’Europa per il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). In questo contesto generale anche l’occhialeria italiana sta seguendo queste traiettorie, con un recupero che va oltre le previsioni almeno fino a settembre 2021.

Le esportazioni

I dati generali dimostrano una crescita del 42,7% delle esportazioni che si attestano a quasi 3 miliardi di € rispetto allo stesso periodo del 2020. L’incremento, invece, è dello 0,4% comparato al 2019.

In particolare, l’aumento in positivo è stato del +48,5% per le montature, +40,8% per gli occhiali da sole e +20,3% per le lenti. Al contempo, in relazione al 2019 si registra un aumento del 6,6% per le montature mentre i dati relativi agli occhiali da sole riscontrano ancora una leggera flessione pari all’1,9%.

Considerando l’andamento mensile delle esportazioni nel primo semestre del 2021 è incoraggiante vedere come questo sia davvero molto simile a quello del 2019, fino a superarne i valori nei mesi di aprile, giugno e settembre.

L’analisi del periodo gennaio-settembre 2021 per area geografica evidenzia una crescita su tutti i maggiori mercati di destinazione dell’occhialeria italiana sia rispetto al 2020 ma anche in confronto al 2019, fatta eccezione dell’Asia.

In America le esportazioni sono incrementate del +57,9%, un lieve aumento anche dal 2019 (+5,6%).

Sul mercato europeo si registra un rialzo del 39,9% comparato al 2020 e del 4,9% dal 2019.

Segno positivo anche in Africa con un incremento del +75,3%, e una situazione invariata rispetto al 2019.

Nota in verde anche per l’Oceania dove si registra un aumento del 40,1% sul 2020 e del 13,3% rispetto al 2019.

Ulteriore elemento di ottimismo deriva dall’analisi per singoli Paesi di esportazione, da dove si evince che nei principali mercati dell’occhialeria italiana il gap rispetto al 2019 è già stato, in parte o totalmente, colmato, ad eccezione che in Spagna.

Gli Stati Uniti rappresentano da sempre il primo mercato di riferimento per il settore per un valore di circa 850 mln nel periodo gennaio-settembre 2021. Francia e Germania assorbono circa il 19% delle esportazioni del settore, ovvero rispettivamente 340ml e 212ml all’anno.

Il mercato interno

Nei primi nove mesi del 2021 per l’occhialeria italiana ci sono stati dei segnali incoraggianti anche sul mercato interno. Netta la ripresa rispetto al 2020, dove nel primo semestre del 2021 le vendite presso il canale ottico sono cresciute in valore del 23,2 %.

La dinamica ricalca il quadro generale del mercato dell’ottica italiano degli ultimi anni: una crescita trainata dalle lenti oftalmiche (e al loro interno dal segmento a maggior valore aggiunto – le lenti progressive) e in parte dalle montature. L’occhiale da sole recupera bene sul 2020, ma resta molto in sofferenza e lontano dai valori del 2019.

In questo quadro occorrerà monitorare anche il canale on-line che nell’occhiale da sole, anche grazie alla digitalizzazione spinta, alla maggior dimestichezza con gli strumenti digitali e alla disponibilità pressoché immediata risulta essere in crescita.

Le previsioni per il 2022

Le previsioni di chiusura per il 2021 delle esportazioni rispetto al 2020 indicano una crescita complessiva del 37%. Confermando questo trend ciò significherebbe anche un aumento in valore sul 2019 (+1,5%). Sulla stessa linea le previsioni sulla produzione. Sul mercato domestico si prevede un incremento complessivo del 30% rispetto al 2020, mentre non è scontato il ritorno ai valori pre-covid. Il dato sull’occupazione si conferma stabile per il 2021 e il 2022.

WBF
cdp 1

Leggi anche

WBF
cdp 1
cdp 2
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.