CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Welfare, il carpooling come alternativa al lavoro da remoto

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Nonostante la grande crescita dello smart working, la maggior parte dei lavoratori si reca ancora in ufficio. Il tragitto da casa in sicurezza, allora, può diventare parte dell’offerta di welfare delle imprese. La piattaforma Jojob si occupa proprio di questo, e da tempo propone alle aziende un servizio di carpooling per i loro dipendenti.

Jojob offre alle aziende uno strumento completo di welfare aziendale dal punto di vista della mobilità e ha recentemente ricevuto la certificazione di Benefit Corporation.

Il servizio di carpooling, in particolare, risponde anche alla ricerca di alternative, da parte dei lavoratori, al trasporto pubblico. Proprio per questo, Jojob ha approntato una proposta di carpooling aziendale in sicurezza: equipaggio di massimo due persone, sedute una davanti ed una dietro e dotate di dispositivi di sicurezza adeguati (guanti e mascherine), con l’invito di sanificare con regolarità l’abitacolo e di creare degli equipaggi fissi.

Condividendo un’auto, dicono da Jojob, si evita quindi di sovraccaricare i mezzi pubblici e si abbassa il rischio contagio, si risparmia denaro e si emettono meno CO2 e particolato rispetto all’uso privato di un’auto. Ne abbiamo parlato con il CEO di Jojob, Gerard Albertengo.

Nonostante la situazione pandemica in peggioramento migliaia di lavoratori sono tornati in ufficio e hanno ripreso a lavorare con dinamiche simili a quelle pre-pandemia. Quale contributo può portare il carpooling?

La mobilità casa-lavoro ha subito e subirà ancora notevoli mutazioni rispetto al periodo pre-pandemia. La presenza dello smart working e la necessità di poter viaggiare su mezzi di trasporto che tutelino la salute degli occupanti sono elementi che stanno modificando le abitudini di trasporto dei pendolari. Il carpooling è per definizione una modalità di trasporto ad alta flessibilità, a condizione però che vi siano una buona offerta in termini quantitativi. Pertanto rappresenta un’alternativa che si concilia perfettamente con la flessibilità richiesta dal lavoratore che alterna la presenza in ufficio con lo smart working. Il numero dei pendolari, nel prossimo futuro, non diminuirà. Ciò che diminuirà sarà la frequenza del pendolarismo. Questo genererà la domanda di trasporto flessibile sopra citata presupponendo anche un incremento della propensione alla spesa per soddisfare l’esigenza di trasporto occasionale. Potremmo quindi assistere ad una diminuzione della domanda di abbonamenti al TPL a favore di un incremento di domanda verso quelle modalità di trasporto più flessibili, come taxi, carsharing e carpooling.

Il carpooling sarà ancora un sistema di mobilità nel prossimo futuro?

Crediamo fortemente che il carpooling subirà una spinta notevole già dal 2022. I principali driver che sorreggeranno questa crescita saranno: investimenti, leggi e regolamenti per stimolare la mobilità sostenibile a favore della tutela ambientale, incremento della domanda verso le modalità di trasporto flessibili, crescente efficienza dei servizi di carpooling generata dal continuo incremento dell’offerta di auto condivise.

Quali sono i traguardi e quali i riconoscimenti che avete ricevuto nell’ultimo anno?

In assoluto, il maggior riconoscimento ottenuto nell’ultimo anno è stato mantenere la fiducia degli utenti, delle aziende, dei territori, degli investitori e di tutto il team Jojob che ci hanno consentito di superare la crisi pandemica sorreggendo l’azienda per più di 20 mesi in un mercato quasi congelato. Un grande motivo di orgoglio è stato per noi ottenere, a fine novembre 2021, la certificazione di Benefit Corporation. Essere una BCorp rappresenta per noi non soltanto l’attestazione di elevati standard di sostenibilità ambientale e sociale ma ancor più rappresenta una conferma che stiamo realizzando ciò che ci ha spinti a creare impresa: efficientare il trasporto privato per salvaguardare la qualità dell’aria e l’ambiente che ci circonda. Con immenso piacere segnaliamo inoltre che siamo risultati vincitori del più ambito premio per l’innovazione ottenendo il premio speciale RePower del concorso 2031 ex premio Marzotto. A pochi giorni di distanza da questo risultato è giunta l’altrettanto gradita menzione speciale del premio Innovazione Amica promossa da Legambiente che ulteriormente attesta il nostro impegno verso una mobilità ed un mondo più sostenibile.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.