WBF

Apple, risarcimento da 30 mln di dollari ai dipendenti della California

apple most admired companies global 500
Aboca banner articolo

Un giudice della California ha approvato un accordo da 30,5 milioni di dollari accettato da Apple a seguito di una battaglia legale decennale, legata a quando i dipendenti del gigante americano venivano costretti a rimanere dopo l’orario lavorativo di modo che i loro zaini potessero essere controllati.

Nel 2013, quando il caso è stato aperto per la prima volta, i dipendenti dei negozi Apple in California venivano sottoposti a controlli di routine dopo i loro turni lavorativi, controlli descritti come “imbarazzanti e umilianti”. L’obiettivo: assicurarsi che non avessero preso oggetti di valore. I controlli potevano richiedere fino a 45 minuti del tempo dei dipendenti.

Due membri dello staff hanno intrapreso un’azione legale, sostenendo che i controlli delle borse erano ‘compensabili’, ai sensi della legge statale. Nel 2015, il caso si è concluso quando Apple ha sostenuto che i dipendenti erano liberi di lasciare le loro borse a casa per evitare i controlli.

Caso riaperto

Tuttavia, il caso è stato riaperto dopo che i querelanti hanno fatto appello e la vicenda ha raggiunto il suo picco nel febbraio 2020 , quando la corte ha respinto l’argomentazione di Apple sulla base del fatto che i dipendenti erano tenuti dalla società a cambiare uniforme o nascondere il logo Apple al di fuori dell’orario di lavoro. Questo significava che dovevano portare con sé la loro uniforme o portare un cambio di vestiti in una borsa.

Apple ha accettato di pagare un risarcimento di 30,5 mln di dollari per i 14.683 dipendenti (pagati ad ore) che sono stati soggetti a questi controlli obbligatori tra luglio 2009 e dicembre 2014, un accordo che ora è stato approvato dal giudice William Alsup del distretto settentrionale della California.

“Nelle circostanze di questo caso e nelle realtà della vita ordinaria del 21esimo secolo, troviamo inverosimile e insostenibile l’affermazione di Apple secondo cui la sua politica di perquisizione delle borse può essere giustificata come un vantaggio per i suoi dipendenti”, ha detto la corte.

Fortune ha contattato Apple per un commento.

Non è la prima volta che i dipendenti dei grandi marchi di vendita al dettaglio ricevono un risarcimento in cause simili.

L’anno scorso, Amazon e un’agenzia lavorativa hanno pagato 8,7 mln di dollari a 42.000 magazzinieri, secondo Reuters.

L’articolo originale è su Fortune.com

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.