GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

La formazione economica della Gen Z

Gen Z

La Gen Z è autonoma e ne è consapevole. “I boomer erano sempre intermediati, avevano un operatore specializzato che forniva aiuto. Ora la Gen Z è totalmente digitalizzata e disintermediata. Nel fare da sé, si documenta anche da sé su tutto quello che serve”, afferma Alessandra Spada, Ceo e founder di Catchy, startup innovativa di servizi e prodotti di Ai, blockchain e dati.

Chi è nativo digitale acquisisce le informazioni economiche essenziali dalla rete e si informa attraverso gli influencer. Quest’ultimi si trovano sulle varie piattaforme social, da Instagram a TikTok, e si occupano di educazione finanziaria e di impresa. Tra i tanti, Alessandra Spada consiglia di seguire @pecuniami, @metodocontabile e @renegade.insider.finanza. “La consapevolezza finanziaria aiuta a eliminare la differenza tra giovani e non giovani, ma anche il gender gap”. La divulgatrice Pecuniami ha pubblicato su tali tematiche un libro intitolato ‘Signore è ora di contare! Manuale di consapevolezza finanziaria’, nel quale si rivolge soprattutto alle ragazze e spiega tattiche per essere indipendenti economicamente.

La Ceo di Catchy spiega come i ‘nerd’ abbiano iniziato a trattare la parte della finanza e del trading attraverso le criptovalute, che poi si è estesa a tutti, raggiungendo anche i ragazzi. “Un tempo la parte di questa finanza era destinata soprattutto alle persone che andavano dai 35 ai 40 anni in su”. Adesso la soglia si è ridotta di molto grazie ai molteplici strumenti immediati che si trovano online e offrono la possibilità di fare questi tipi di investimenti. “Un esempio è l’acquisto di fondi Etf, gli Exchange traded funds. Sono importanti perché permettono ai giovani, anche investendo 50 euro al mese, di cominciare a mettere da parte soldi e crearsi il loro fondo”. Per farlo, esistono numerose piattaforme online, che hanno un basso costo grazie alla disintermediazione.

La Gen Z si forma prevalentemente attraverso Youtube, TikTok e Google. Con questi tre canali si raggiungono informazioni potenzialmente infinite. Il rischio è la velocità: da un lato è un grande asset a disposizione, dall’altro causa superficialità, in quanto si decide subito se un dato sia interessante o meno, poiché si è abituati ad avere tutti i servizi disponibili in tempo reale.

Alessandra Spada conclude affermando che “la leva tecnologica ha fatto la rivoluzione per quanto riguarda la parte dell’economia della generazione Z”.

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.