Sam Bankman-Fried e Ftx: ecco perché non c’era da fidarsi, secondo un investitore

Teva banner articolo
Teva banner articolo

È stato scritto e detto di tutto, sulle società di venture capital che hanno ignorato ‘i campanelli d’allarme’ che circondavano Sam Bankman-Fried e la sua società di criptovalute FTX. Ma c’è chi alcuni segnali li ha riconosciuti.

Per esempio, Alexander Pack: un socio amministratore dell’investitore di startup crittografiche Hack.VC, che ha dichiarato a Fortune di aver incontrato Bankman-Fried nel novembre 2018. All’epoca, Pack era un socio amministratore e cofondatore della sua precedente azienda, Dragonfly Capital. Era un investitore venture capital di società blockchain. Bankman-Fried aveva appena lanciato Alameda Research, una società di trading. E Pack era in trattative per diventare il primo investitore istituzionale di quell’azienda.

Pack ha riferito che lui e il suo team Dragonfly hanno incontrato i dirigenti di Alameda, tra cui Bankman-Fried, più di una decina di volte in circa cinque-sei mesi dal 2018 al 2019. Pack ha anche detto di aver trovato il giovane fondatore, allora ventenne, molto carismatico e accattivante. “Sembrava una delle persone più intelligenti che avessi mai incontrato. Era diverso da tutti gli altri. Sono stato immediatamente colpito da lui, lo eravamo tutti”.

Pack visitò presto gli uffici di Alameda a Berkeley, in California, e a Hong Kong. “Erano pieni di dipendenti ventenni”. Questo non gli parve insolito, dal momento che molte startup sono lanciate da giovani. Incontrò poi Caroline Ellison, che adesso è diventata l’amministratore delegato di Alameda, ma all’epoca era solo una commerciante.

All’inizio le cose andavano bene, ma poi, ha dichiarato Pack, “sono spuntati una serie di segnali d’allarme”.

“Nel giro di un paio di mesi i profitti di Alameda cominciarono a calare di pochi punti percentuali alla volta. Quando ho chiesto spiegazioni, Bankman-Fried mi ha confessato che la maggior parte del suo tempo e del tempo del suo team, veniva speso per un nuovo exchange su cui stavano lavorando”, ha raccontato Pack. “Non avevano avuto il tempo di concentrarsi sugli algoritmi e il trading funzionava in qualche modo con il pilota automatico”.

Dragonfly, guidato da Pack, ha sostenuto exchange di criptovalute come Bybit, mentre lo stesso Pack ha investito in CoinDCX. Era interessato al nuovo exchange di SBF, ma Bankman-Fried ha esitato e gli ha detto che non poteva investire nell’attività separata.

Bankman-Fried, dice Pack, “mercanteggiava”. Chiedendogli di pagare di più se voleva visibilità. “E quello era un grande segnale d’allarme, ovviamente, per il nostro investimento”.

In qualità di investitore in capitale di rischio, Pack e il suo team erano e sono tuttora pronti a sostenere un fondatore e tutto ciò su cui sta lavorando.

“Ma se un fondatore prende fondi e usa quei soldi per qualcosa di cui l’investitore non sa nulla, questo è preoccupante”, ha affermato Pack.

Ci sono stati anche casi di errori commerciali, che hanno provocato perdite. In uno, i dirigenti di Alameda si sono dimenticati di chiudere uno scambio, perdendo molto denaro su un altcoin che è sceso di circa il 90%, ha ricordato Pack.

Alameda ha perso circa 15 mln di dollari in questa serie di errori commerciali. E ci sono voluti alcuni mesi prima che i dirigenti di Alameda si aprissero sulle perdite commerciali che hanno causato l’abbandono di diversi dirigenti.

Tara MacAulay, che ha contribuito a fondare Alameda con Bankman-Fried nel 2017, ha dichiarato in un thread Twitter del 16 novembre di essere uscita dalla società di trading nell’aprile 2018 insieme a molti altri “in parte a causa di preoccupazioni sulla gestione del rischio e sull’etica aziendale”.

MacAulay ha continuato a lanciare Lantern Ventures, di cui è Ceo, e Pharos Fund (un’affiliata di Lantern Ventures, che detiene circa 400 mln di dollari in gestione. Ed è uno dei maggiori creditori del prestatore di criptovalute in bancarotta Celsius Network, come riportato da Fortune). “Non abbiamo mai avuto alcun collegamento con Sam, FTX o Alameda. Non parlo nemmeno con Sam dal 2018”, ha detto MacAulay nel thread del tweet.

Pack ha detto che era “abbastanza spaventato” dal comportamento rischioso e non etico di Bankman-Fried di cui non voleva far parte. Ricorda anche che quando Bankman-Fried ha corso grossi rischi con il trading perdendo da 5 a 10 mln di dollari alla volta, lo ha fatto in un modo molto distaccato, quasi come se stesse giocando a un videogioco.

Dragonfly aveva pianificato di investire un paio di milioni di dollari, ma la due diligence per il possibile investimento di Alameda è durata più del solito. Questo perché Pack e il suo team continuavano a captare strani segnali. “Le trattative sono diventate molto difficili quando Bankman-Fried ha continuato a cambiare i fondamentali dell’impresa”, ha affermato Pack. “Ad esempio, ha insistito sul fatto che FTX fosse un’impresa diversa che meritava una valutazione separata e molto più alta. A un certo punto, i segnali di pericolo hanno cominciato ad aumentare”.

Pack ha detto di non aver mai scoperto una vera frode, ma c’erano inganni e omissioni. “Non c’era nessun revisore. Ci mostrava fogli di calcolo caotici”.

Fortune ha esaminato i documenti, chiamati “confidenziali”, che erano difficili da capire e includevano una nota della startup che diceva che “non aveva una buona gestione dei registri contabili durante i suoi primi mesi”.

Separatamente, Fortune ha visionato i documenti di FTX che l’exchange usava per presentarsi agli investitori durante i loro round di raccolta fondi.

I documenti erano fondamentalmente fogli di calcolo Excel fatti in casa, che erano complicati e molto confusi, e non fornivano un resoconto chiaro di come FTX stava valutando i suoi vari token e passività.

Inoltre, non era chiaro dove Bankman-Fried avesse ottenuto il finanziamento iniziale per lanciare Alameda, ha affermato Pack. Bankman-Fried ha ricevuto prestiti per scambiare capitali da ricchi membri della comunità di Effective Altruism, di cui si diceva che Bankman-Fried fosse un seguace. “Non voleva dirci chi erano gli investitori perché non voleva che parlassimo con loro”, ha detto ancora Pack.

Bankman-Fried, ovviamente, ha una diversa interpretazione delle interazioni con Dragonfly. Il fondatore di FTX ha confermato a Fortune che Dragonfly era una delle società di venture capital a cui aveva fatto riferimento in un tweet del 2020 su una “storia dell’orrore” che aveva avuto con un aspirante investitore.

Bankman-Fried ha affermato di ritenere che Dragonfly fosse ingannevole, mentre Alameda era trasparente sulle sue aspettative. Anche il denaro offerto era inferiore a quanto voleva Alameda e l’offerta è stata respinta. Pochi mesi dopo, Dragonfly è tornata e ha chiesto di partecipare alla prevendita FTT, che aveva una valutazione significativamente più alta di quella che il vc aveva offerto. “Abbiamo detto di no”, ha scritto Bankman-Fried nel tweet.

Pack ha definito il fallimento di FTX, che ha coinvolto Alameda Research e circa 130 società affiliate, “un’incredibile catastrofe”. Si prevede che saranno colpiti più di 1 milione di creditori.

Pack pensa che sia ingiusto incolpare completamente i venture capital, molti dei quali hanno fatto una due diligence proprio come lui. Ha indicato una dichiarazione del 17 novembre di Temasek, che ha investito un totale di 275 mln di dollari in FTX International e FTX US. La società di investimento di Singapore ha condotto otto mesi di due diligence, inclusa la revisione del rendiconto finanziario certificato di FTX che ne ha dimostrato la redditività. Temasek ha svalutato il suo intero investimento in FTX, secondo la dichiarazione. “È difficile gestire un investimento in cui il fondatore ti sta mentendo spudoratamente”, ha commentato Pack.

Bankman-Fried, secondo Pack, rimane il ragazzo brillante e intelligente che ha conosciuto all’inizio. “Ma penso che sia appena diventato più intelligente relativamente a come nascondere i segnali di pericolo”, ha aggiunto Pack. “Probabilmente ha imparato molto su cosa fare e cosa non fare con gli investitori in futuro“.

Forse la prossima volta anche gli investitori impareranno.

L’articolo originale è su Fortune.com.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.