Cerca
Close this search box.

Così le banche accantonano quasi 2 mld di imposta sugli extraprofitti

btp valore ordini borsa

Il sistema bancario italiano ha deciso di sfruttare all’unanimità la facoltà di destinare a riserva non distribuibile un ammontare pari a 2,5 volte il valore dell’imposta sugli extraprofitti. Le grandi banche quotate, tra cui Intesa, Unicredit, Banco Bpm, Mps, Bper, Popolare di Sondrio, Credem e Mediobanca, hanno così risparmiato circa 1,8 miliardi di euro di imposte, contribuendo a rimpolpare il proprio patrimonio con 4,5 miliardi di euro.

L’imposta sugli extraprofitti, annunciata dal governo a sorpresa ad agosto, aveva creato tensioni nei mercati finanziari e tra gli investitori internazionali. La tassa mirava a prelevare “alcuni miliardi” dal sistema bancario, ma il governo ha successivamente rivisto la norma, ridisegnando il calcolo del tetto dell’imposta e introducendo la possibilità di destinare a riserva non distribuibile un multiplo pari a 2,5 volte l’imposta.

Il risultato è stato un risparmio significativo per le banche, ma ha comportato un mancato incasso per lo Stato, superiore ai due miliardi di euro. Alcune banche non quotate, come il Credit Agricole e Bnl, potrebbero anch’esse evitare l’imposta. Anche il sistema del credito cooperativo sembra intenzionato a preservare la sua capacità di fare credito, evitando così di indebolire ulteriormente le casse dello Stato.

L’imposta sugli extraprofitti aveva suscitato preoccupazioni iniziali tra i vertici bancari, investitori internazionali e la Bce, ma le modifiche apportate hanno permesso alle banche di accrescere la loro solidità e capacità creditizia. Nonostante l’annuncio iniziale fosse stato difeso come un prelievo sui “margini ingiusti delle banche” per finanziare misure di sostegno a famiglie e imprese, la norma è stata rivista per garantire un maggiore equilibrio.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.