GILEAD
Cerca
Close this search box.

Trattative Ita-Lufthansa, cammino ancora in salita

Gilead

L’ultima riunione tra il Ministro dell’Economia italiano, Giancarlo Giorgetti, e la Commissaria europea Margrethe Vestager non ha portato i frutti sperati per l’approvazione della fusione tra Ita Airways e Lufthansa. Al termine dell’incontro a Palazzo Berlaymont, sede della Commissione europea, non sono state rilasciate le solite dichiarazioni diplomatiche che generalmente accompagnano questi colloqui, segnale evidente di una strada ancora in salita.

Il governo italiano ha ribadito la propria posizione, aspettandosi ora un verdetto definitivo entro il 4 luglio. Tuttavia, i segnali che emergono da Bruxelles non sembrano ancora promettenti. Il pacchetto di impegni presentato l’ultima settimana, riguardante slot e rotte aeree, è stato giudicato insufficiente dagli organi competenti dell’Unione Europea. Nonostante ciò, è stato sottolineato che c’è ancora tempo per apportare le necessarie modifiche.

Le preoccupazioni principali si concentrano su alcuni nodi cruciali del negoziato. In particolare, vi è la paura che la fusione possa creare una posizione dominante nel mercato aereo di Milano-Linate, senza che sia stata trovata una soluzione concreta per garantire una competizione equa. Le proposte per aprire le rotte a corto raggio dall’Italia verso l’Europa centrale a compagnie rivali necessitano ancora di affinamenti significativi.

Un altro punto di frizione è rappresentato dall’accordo temporaneo, della durata di due anni, riguardante l’alleanza tra Ita e Lufthansa sui voli di lungo raggio da Fiumicino verso Stati Uniti e Canada. La situazione è complicata dal forte posizionamento di Lufthansa in queste rotte tramite la joint venture esistente con United Airlines e Air Canada, che solleva ulteriori questioni antitrust.

Le trattative tra Ita e Lufthansa riflettono la complessità delle fusioni aeree in un contesto già di per sé molto regolamentato. “È sempre complicato, bisogna sempre avere tanta pazienza”, ha commentato Giorgetti, riflettendo sulla natura prolungata e intricata delle discussioni.

Il tempo per negoziare non manca, ma a Bruxelles il messaggio è chiaro: il successo delle trattative dipenderà dalla volontà delle parti, principalmente di Lufthansa, di trovare un accordo accettabile per tutte le entità coinvolte. La situazione rimane fluida e il settore aereo europeo attende con ansia l’esito di queste importanti discussioni che potrebbero riscrivere le dinamiche del mercato aereo del continente.

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.