GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

I Ceo negli Stati Uniti guadagnano 200 volte lo stipendio di un dipendente

inflazione

Secondo i primi risultati di un sondaggio condotto da Gallup e dall’Università di Bentley, due terzi degli americani ritengono che le aziende non stiano facendo un buon lavoro nel ridurre il divario di ricchezza tra gli amministratori delegati e i dipendenti. I risultati non sono ancora stati resi noti ufficialmente, ma finora hanno rivelato, per il terzo anno consecutivo, che la stragrande maggioranza degli americani ritiene che la riduzione del divario retributivo tra i Ceo e i lavoratori sia una questione importante, che i consigli di amministrazione delle aziende stanno affrontando in modo fallimentare. 

Le retribuzioni dei Ceo sono scandalose. E minano enormemente la fiducia nelle nostre istituzioni”, ha dichiarato Nell Minow, vicepresidente di ValueEdge Advisors, alla CNN, che ha riportato per prima i risultati del sondaggio.

Nel 2023, l’Ad di una società S&P 500 ha guadagnato 196 volte di più rispetto ai dipendenti medi, nel 2022 il compenso era di 185 volte superiore. Per l’83% degli americani, è abbastanza o estremamente importante che le aziende cerchino di ridurre l’enorme divario tra la retribuzione dei top manager e quella dei dipendenti. Allo stesso tempo, solo il 13% degli intervistati ha dichiarato che le aziende stanno facendo un buon lavoro nel tenere sotto controllo le retribuzioni dei Ceo. 

I pacchetti retributivi mediani dei Cep dell’S&P 500 sono aumentati di quasi il 13% l’anno scorso, mentre le retribuzioni e i benefit dei lavoratori del settore privato sono aumentati di poco più del 4%, secondo l’indagine annuale sui compensi dell’AP. I risultati dell’indagine, analizzati per l’AP da Equilar, hanno mostrato che la retribuzione media degli amministratori delegati è salita a 16,3 mln di dollari, compresi i premi in contanti e in azioni, mentre il dipendente di un’azienda S&P 500 ha guadagnato 81.467 dollari. 

“Istintivamente, non mi sembra giusto. Come può un Ceo guadagnare 196 volte il lavoratore medio?”, ha detto alla CNN Cynthia Clark, docente di management alla Bentley University. I nuovi risultati hanno anche dimostrato che l’appartenenza a un partito politico non incide sul modo in cui gli americani considerano il divario retributivo tra Ceo e dipendenti. Nel sondaggio, il 96% dei democratici ha dichiarato che ridurre il divario retributivo è importante. I repubblicani, pur non essendo altrettanto entusiasti, hanno comunque dichiarato che la questione è rilevante (66%).

La retribuzione degli Ad è “una questione che attraversa tutto lo spettro politico“, ha dichiarato a Fortune Sarah Anderson, direttore del Global Economy Project dell’Institute for Policy Studies. “Dopo la pandemia, l’idea che una persona valga centinaia di volte di più dei lavoratori in prima linea, molti dei quali stavano facendo un lavoro essenziale per mantenere in piedi la nostra economia, la gente non se la beve più”, ha dichiarato Anderson a Fortune. I risultati di Gallup-Bentley non sono i primi sondaggi di quest’anno che mostrano un disprezzo bipartisan per le retribuzioni degli amministratori delegati. 

Un sondaggio condotto in aprile da Data for Progress ha chiesto agli intervistati come si sarebbero sentiti in merito all’attuazione di una legislazione che avrebbe aumentato le tasse sulle aziende che pagano i loro amministratori delegati almeno 50 volte la retribuzione mediana dei dipendenti. I risultati hanno mostrato una schiacciante approvazione sia da parte dei repubblicani che dei democratici. 

Proposte di legge come quella emersa dai sondaggisti sono già state presentate in passato in entrambe le camere del Congresso, compresa una introdotta quest’anno dai senatori Bernie Sanders del Vermont ed Elizabeth Warren del Massachusetts, chiamata Tax Excessive Ceo Pay Act. 

Ma Anderson ha detto che questo tipo di legislazione si è arenata perché i lobbisti aziendali continuano a sostenere che gli amministratori delegati delle grandi aziende sono responsabili in modo quasi univoco del valore per gli azionisti. Il bacino di talenti per i dirigenti di alto livello è incredibilmente competitivo e se non pagano, gli amministratori delegati andranno a lavorare da qualche altra parte.

Tutto ciò avviene mentre gli azionisti di Tesla hanno approvato oggi il più grande pacchetto retributivo della storia per l’amministratore delegato Elon Musk, pari a 56 mld di dollari.  “Gli azionisti sono il gruppo che dovrebbe decidere i pacchetti retributivi”, ha dichiarato la professoressa della Bentley Cynthia Clark a Fortune in una e-mail. “La grande preoccupazione per il premio di Musk non è quello che farà se non lo otterrà, di cui si è parlato molto nei notiziari, ma quello che succederà con gli altri amministratori delegati se lo otterrà”.

Anderson ha dichiarato a Fortune che il pacchetto retributivo di Musk offre uno sguardo interessante sui meccanismi di controllo delle retribuzioni degli amministratori delegati. A gennaio, un giudice del Delaware ha posto il veto sulla remunerazione di Musk a causa di problemi di corporate governance, e diversi importanti investitori istituzionali, tra cui due piani pensionistici pubblici della California, si sono espressi contro l’accordo prima del voto di oggi.

“È incoraggiante vedere alcuni importanti investitori istituzionali prendere posizione contro questo osceno pacchetto retributivo approvato da suo fratello, dal suo avvocato divorzista e da altre persone che hanno legami così stretti con i dirigenti”, ha dichiarato Anderson. “Ma è molto complicato ottenere la maggioranza dei voti contro i pacchetti retributivi delle aziende”.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.