GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Microsoft, stretta sulla sicurezza: ordina ai dipendenti cinesi di usare solo iPhone

microsoft cina apple iphone

Microsoft chiede ai suoi dipendenti in Cina di utilizzare solo iPhone. Il motivo? Il colosso statunitense sta intraprendendo una sostanziosa revisione della sua sicurezza informatica interna. Un progetto noto nell’azienda come Secure Future Initiative, e che arriva dopo che Microsoft ha dovuto affrontare controlli accurati sulle sue pratiche di sicurezza attuali. La nuova politica di Microsoft, che entrerà in vigore a settembre, significa che i dipendenti in Cina potranno utilizzare solo gli iPhone per lavoro, come riportato inizialmente da Bloomberg.

Una regola che ha lo scopo di limitare il numero di telefoni Android utilizzati dai dipendenti cinesi di Microsoft.

Microsoft inizierà a richiedere ai dipendenti di verificare la propria identità e utilizzare l’autenticazione a due fattori quando accedono ai propri telefoni di lavoro.

L’azienda ha dovuto chiedere ai suoi dipendenti di utilizzare gli iPhone perché alcune app di sicurezza come Microsoft Authenticator e l’app Identity Pass non erano disponibili su nessun altro sistema operativo in Cina. Negli Stati Uniti e in altri paesi, queste due app sono disponibili anche su Google Play. Ma Google Play non funziona in Cina, il che significa che i dipendenti di Microsoft potevano scaricare le app di sicurezza rilevanti solo su un iPhone targato Apple.

“A causa della mancanza di disponibilità dei ‘Google Mobile Services’ in questa regione, cerchiamo di offrire ai dipendenti un mezzo per accedere a queste app , come un dispositivo iOS”, ha detto a Fortune un portavoce di Microsoft in una e-mail.

Secondo Bloomberg, i dipendenti in Cina che non hanno un iPhone ne riceveranno uno da Microsoft.

I telefoni Android cinesi realizzati da aziende come Huawei e Xiaomi hanno le proprie piattaforme. Il divieto degli smartphone cinesi da parte di Microsoft è emblematico di un ecosistema digitale sempre più divergente tra Cina e Stati Uniti, dove i due governi e le principali aziende che lavorano con loro sono diventati sempre più cauti nel consentire di accedere a materiali sensibili.

La Cina ha i propri motori di ricerca e piattaforme di social media, dove i giganti statunitensi come Facebook sono banditi. I suoi censori su Internet sono ormai leggendari. Nel frattempo, negli Stati Uniti la Casa Bianca ha limitato le esportazioni della più sofisticata tecnologia dei semiconduttori alle aziende cinesi. E il Congresso ha approvato un disegno di legge che obbligherebbe la vendita di TikTok di proprietà cinese a un acquirente americano per timore che la piattaforma di social media possa essere utilizzata per influenzare l’opinione pubblica.

La sicurezza informatica è diventata una priorità assoluta per Microsoft dopo che l’anno scorso si è scoperto che i suoi sistemi cloud erano stati violati da hacker cinesi sostenuti dallo Stato. L’attacco informatico è avvenuto prima della visita del Segretario di Stato Anthony Blinken a Pechino nel giugno 2023, esacerbando ulteriormente le tensioni tra Stati Uniti e Cina. L’hacking ha sollevato importanti segnali d’allarme sulle pratiche di sicurezza di Microsoft. Ad aprile un’agenzia federale ha pubblicato un rapporto severo che rilevava che “la cultura della sicurezza di Microsoft era inadeguata”.

A marzo, un tribunale federale degli Stati Uniti ha accusato un gruppo di hacker cinesi di una serie separata di attacchi informatici avvenuti nel 2018. L’ambasciata cinese a Washington D.C. ha affermato che le accuse erano infondate. “Senza prove valide, gli Stati Uniti sono giunti a una conclusione ingiustificata e hanno lanciato accuse infondate contro la Cina”, ha detto all’epoca Liu Pengyu, portavoce dell’ambasciata.

Mentre il rapporto tra Stati Uniti e Cina diventa sempre più teso, entrambe le parti hanno cercato di proteggere le capacità informatiche dell’altra.

Dal 2023, le aziende cinesi sostenute dal governo hanno ordinato ai dipendenti di smettere di utilizzare smartphone stranieri di produttori come Apple e Samsung.

Nel frattempo la Cina ha tentato di sorvegliare parti degli Stati Uniti con i propri metodi clandestini. All’inizio dell’anno scorso la Cina ha inviato diversi ‘palloni’ spia negli Stati Uniti. Anche i veicoli elettrici e le auto connesse sono finiti nel mirino, accusati di essere un modo per sorvegliare gli americani.

L’amministrazione Biden sta valutando il divieto di tutte le auto intelligenti cinesi dopo che un’indagine sulla sicurezza nazionale ha scoperto che raccolgono dati sui passeggeri e utilizzano sensori esterni per raccogliere informazioni sulle infrastrutture statunitensi. Una recente indagine di Fortune ha rilevato che le auto cinesi a guida autonoma hanno già percorso 1,8 milioni di miglia sulle strade americane.

Tali tensioni sono aumentate solo dopo che un rapporto pubblicato martedì da un consorzio di agenzie di intelligence guidato dall’Australia, tra cui quelle di Stati Uniti, Regno Unito, Giappone e Germania, ha dettagliato i ripetuti attacchi informatici da parte della principale agenzia di spionaggio cinese.

Questa storia è stata originariamente pubblicata su Fortune.com

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.