23 Novembre 2018

Istat, a ottobre export extra Ue aumentato del 5,3%

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Dopo la flessione di settembre, le esportazioni dell’Italia verso i paesi extra europei riprendono a crescere. A ottobre, secondo l’Istat, l’export aumenta del +5,3% e anche rispetto all’anno scorso cresce dell’11,6% che si riduce a +7,6% eliminando l’effetto prodotto dal diverso numero di giorni lavorativi. Le importazioni, invece, calano dello 0,1% su base mensile e salgono del 24,9% su base annua (+20,3% dopo la correzione per i giorni di calendario).

“Lo stimolo alla crescita tendenziale dell’export – osserva l’Istat – risulta fortemente concentrato nelle vendite verso gli USA, che contribuiscono per circa il 40% all’aumento dell’export al lordo delle differenze nei giorni lavorativi. Le vendite verso gli USA risultano particolarmente rilevanti per i prodotti farmaceutici, i macchinari e gli alimentari”. L’incremento congiunturale delle esportazioni è esteso a quasi tutti i raggruppamenti principali di industrie, tranne i beni di consumo durevoli (-1,4%).

I beni di consumo non durevoli (+13,5%) e l’energia (+6,8%) registrano un aumento molto marcato. Dal lato dell’import, la flessione è intensa per i beni strumentali (-4,3%) e i beni di consumo durevoli (-4,1%). Gli acquisti di beni intermedi (+2,2%) sono invece in aumento. Su base annua l’aumento delle esportazioni è rilevante per i beni di consumo non durevoli (+23,8%) e i beni intermedi (+13,5%). Mentre la crescita dell’import è determinata principalmente dall’energia (+42,2%), dai beni di consumo durevoli (+35,5%) e dai beni intermedi (+24,4%).

L’export tendenziale verso gli Stati Uniti (+22,3%), India (+17,5%), Svizzera (+16,3%) e Giappone (+15,0%) è in forte aumento. In flessione le vendite di beni verso la Turchia (-23,7%) e i paesi Mercosur (-14,8%). Il surplus commerciale a ottobre 2018 è stimato pari a +3.045 milioni, in diminuzione rispetto a +4.279 milioni di ottobre 2017. Da inizio anno diminuisce l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +54.818 milioni per il 2017 a +54.622 milioni per il 2018).

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.