Ponte, Bucci: 10 aziende per demolizione, no ApI

“Sarà un progetto firmato da 10 aziende esclusa Autostrade che non parteciperà” quello che porterà alla ricostruzione del Ponte Morandi di Genova. Lo ha detto il sindaco e commissario straordinario per la ricostruzione Marco Bucci entrando a palazzo della Procura per consegnare il progetto di demolizione dei monconi rimasti in piedi dopo il crollo del 14 agosto. “E’ un progetto solido – ha detto – è quello che vogliamo. Credo farà un’ottima impressione al procuratore. Sono convinto che il 15 dicembre potremo iniziare a demolire. Spero di fare un decreto unico per il 14 dicembre – ha continuato Bucci – in cui inserire le aziende che demoliscono e quelle che costruiscono”.

Quanto alle modalità della demolizione, Bucci ha dichiarato che questa avverrà “attraverso un mix di smontaggio meccanico e uso di esplosivo. Una porzione, la parte ovest, sarà smantellata attraverso smontaggio pezzo per pezzo mentre una porzione del lato est sarà invece demolita con l’esplosivo”. La demolizione, ha concluso Bucci, sarà propedeutica alla ricostruzione già dalla fine di marzo. “Il progetto di demolizione dei monconi dell’ex Morandi e’ fatto in modo tale da poter far partire la ricostruzione il 31 marzo 2019”. Lo ha detto il sindaco-commissario Marco Bucci questo pomeriggio dopo aver consegnato il progetto di demolizione alla procuratore Bucci non ha escluso pero’ la contemporaneità dei due cantieri.