1 Marzo 2019

Al via ecobonus ed ecotassa. Ecco le istruzioni

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Agevolazioni per l’acquisto di veicoli ‘green’ e penalizzazioni su quelli ‘grey’: sono state definite ed entrano in vigore, in attesa di tutti i decreti attuativi, l’ecotassa e l’ecobonus per i veicoli di nuova immatricolazione rispettivamente più e meno inquinanti.

L’ecotassa

A dover pagare la tassa ‘anti-inquinamento’, per un importo che oscilla da 1.100 a 2.500 euro, sono le nuove auto che emettono più di 160 grammi di CO2/km, con un imposta stabilita sulla base di 4 scaglioni: da 161 a 175 g/km, con ecotassa di 1.100 euro, da 176 a 200 (1.600 euro), da 201 a 250 (2.000 euro) e da oltre 250 (2.500 euro). Il pagamento dovrà avvenire tramite il modello F24, con lo specifico codice tributo ‘3500’. L’imposta, che interessa solo le auto acquistate e immatricolate da oggi fino al 31 dicembre 2021, non è applicata ai veicoli per uso speciale come camper, veicoli blindati, ambulanze, veicoli con accesso per sedia a rotelle. Tra i modelli che saranno tassati con l’ecotassa, nella prima fascia – quella dell’imposta di 1.100 euro – ci sono l’Alfa Romeo Giulia 2.0, la 4C 1.750 e Giulietta 1.4. In casa Audi tassate la Q3 40 e 45, la Q7 3.0 e l’A6 3.0 allroad quattro TDI. Tra le Bmw, ci sono le serie 1 M140i, la serie 2 M240i, e la 3. Per quanto riguarda la Fiat, l’ecotassa riguarda, tra gli altri modelli, la 500X Cross Look 2.0, la Tipo 1.4 Tjet, la Quboo 1.4 e la Doblò 1.4. Tassati anche diversi modelli di Jeep Cherokee, Compass e Renegade. L’Ecotassa da 1.600 euro riguarderà invece, tra gli altri, l’Alfa Giulia 2.0 Turbo, la Stelvio 2.0 da 200 o 280 CV, la Fiat Doblò 1.4 T-Jet, la Maserati Ghibli e Quattroporte. Decine i modelli delle altre Case automobilistiche, da Bmw, ad Audi, a Mercedes, a Jaguar. In terza fascia dell’ecotassa – da 2.000 euro – ci sono due modelli Alfa, la Giulia e la Stelvio entrambe con motore 2.9 da 510 CV. C’è poi la Jeep Grand Cherokee con motore 3.0, la Wrangler 2.0 o 2.2. In casa Maserati c’è invece la Levante 3.0. Spuntano le Bentley (la Bentayaga 4.0 diesel), le Cadillac (CT6 e XT5) e una Ferrari, la Portofino 3.9 da 4 posti. Nella quarta e più onerosa fascia (ecotassa da 2.500 euro) ci sono ovviamente i modelli più sportivi della gamma: Aston Martin DB11, Rapide e Vanquish, Audi R8, le altre Bentley Bentayaga solo per citarne alcuni. Non manca la Ferrari con la 488 GTB, la 812 Superfast e la GTC4 Lusso. Ford è presente con Mustang, la Jaguar con F-Type e c’è anche la Maserati Ghibli 3.0.

L’ecobonus

Oltre all’ecotassa c’è anche l’ecobonus (peraltro in attesa dei decreti attuativi) che ‘premia’ chi acquista una vettura con emissioni fino a 70 grammi per chilometro. In questo caso gli scaglioni di emissioni sono due: da 0 a 20 grammi di CO2 per chilometro e da 20 a 70. In particolare l’ecobonus, in caso di contestuale rottamazione di un veicolo, è pari a 6.000 euro per la prima fascia, e a 2.500 per la seconda. In assenza di rottamazione i due importi scendono rispettivamente a 4.000 e 1.500 euro. La disciplina applicativa degli ecobonus su auto e moto non inquinanti e sulle colonnine di ricarica elettrica, ricorda l’Agenzia delle Entrate nella risoluzione pubblicata oggi sull’ecotassa e l’ecobonus auto introdotti dalla legge di bilancio, “è demandata ad un emanando decreto del ministro dello Sviluppo economico, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e con il Ministro dell’economia e delle finanze”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.