fbpx

Carige non verrà salvata da Blackrock, avanza ipotesi Stato

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Salta senza preavviso il salvataggio di Carige da parte di Blackrock. Il tentato approdo della banca genovese sui lidi del colosso mondiale degli investimenti non è andato a buon fine, e ora l’Istituto naviga in mare aperto, possibile direzione: le coste dello Stato.

Il fondo “ha ritenuto di non dare ulteriore corso alla sua iniziale manifestazione di interesse”, comunicano i commissari della banca, che spiegano come la decisione sia stata presa al termine di un’articolata fase preparatoria nell’ambito della quale si inquadra la delibera del Consiglio di Gestione dello Schema Volontario di lunedì 6 maggio.

A questo punto, proseguiranno “le valutazioni riguardanti ulteriori soluzioni di mercato finalizzate ad assicurare stabilità e rilancio di Banca Carige”, scrivono i commissari. Ma “restano, in ogni caso, ferme le previsioni del titolo II del DL 8 gennaio 2019 che consentono l’eventuale avvio dell’iter per la richiesta di ricapitalizzazione precauzionale al Ministero dell’Economia“, ricapitalizzazione, dunque, con i soldi pubblici.

Era di pochi giorni fa il via libera da parte del Fondo interbancario di tutela dei depositi all’operazione di Blackrock su Carige con la conversione dell’obbligazione sottoscritta a fine novembre dal consorzio di banche tramite lo Schema Volontario. Si era anche specificata la data della prossima assemblea, il 14, e la partecipazione del fondo interbancario guidato da Salvatore Maccarone – “se l’aumento di capitale di Carige sarà intorno ai 720 milioni, il Fondo deterrà il 43%” – e degli americani: “è molto verosimile che Blackrock nominerà l’ad – aveva spiegato Maccarone – Noi non desideriamo avere il controllo e opereremo perché questo effetto non si verifichi”.

Il piano di Blackrock era stato definito dal presidente Fitd “un’operazione con cui riteniamo che i problemi siano risolti definitivamente”.

L’8 maggio, in quetion time alla Camera, il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio aveva detto che nella vicenda di banca Carige “come ministero del lavoro continueremo a monitorare la situazione consapevoli che tutti gli strumenti per fronteggiare eventuali situazioni di crisi sono già operativi”.