fbpx

Amartya Sen: serve nuovo modello finanziario sostenibile

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un “nuovo modello finanziario sostenibile” che metta al centro “ambiente e diritti”: è questa la ricetta del premio Nobel per l’Economia Amartya Sen che ha incontrato i giovani under 35 allo Spazio Scuderie di Bologna. “Per quanto riguarda il futuro, anche dell’Europa, crescita e politiche pubbliche devono andare di pari passo per creare occupazione e, in questo modo, diminuire le disuguaglianze”, ha spiegato il professore di Harvard nel corso dell’incontro organizzato da Banca Etica in occasione dei 20 anni dalla sua fondazione e a pochi giorni dalle elezioni europee (il prossimo 26 maggio).

Secondo il premio Nobel per l’economia, “l’Europa è stato uno degli esperimenti più interessanti d’integrazione e uno dei più grandi successi dopo la seconda Guerra Mondiale. Quando si parla di crisi del 2008 la Bce ha dato un esempio di leadership non ottimale”. E il professore non ha risparmiato critiche alle politiche di austerity che l’Europa ha messo in campo in questi anni: “Non c’era bisogno di austerity, quanto di un coordinamento robusto: l’occupazione è peggiorata, il Pil è calato in diversi Paesi e nel tempo si è capito quanto sia stata negativa”.

Proposte a cui ha risposto il fondatore di Banca Etica, Ugo Biggeri: “La finanza fa girare quantità immense di denaro per il quale basterebbero poche riforme, a livello europeo, per essere usato coniugando la legittima aspirazione a una remunerazione degli investimenti, con la possibilità di mettere ingenti risorse a disposizione dei progetti che creano posti di lavoro grazie alla conversione sostenibile delle attività produttive e alla lotta alle diseguaglianze, con attività economiche inclusive e attente agli impatti sociali”.

Nel corso dell’incontro, Sen ha premiato quattro gruppi di under 35 i cui progetti si son qualificati nelle gare di idee “Vénti di futuro”, che Banca Etica ha organizzato tra dicembre 2018 e marzo 2019 in 4 città italiane per dare spazio e voce alle iniziative per i millennials e alla loro visione per un’economia sostenibile, inclusiva e innovativa.