fbpx

4 Giugno 2019

Tria: speriamo che il governo duri, vediamo

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ventiquattro ore dense di scontri a Palazzo Chigi: dopo l’ultimatum del premier Conte, e il botta risposta mediatico tra Lega e Cinquestelle, a intervenire è anche il ministro dell’Economia Giovanni Tria. A chi gli chiede se, viste le ultime vicende, il Governo potrà continuare a lavorare, Tria risponde con un pacato: “speriamo di sì, vediamo“. E colloca l’attuale situazione italiana in un contesto europeo che “non sta tanto bene e mi pare che la governance globale abbia dei problemi anch’essa”, afferma sottolineando che “non è pessimismo, bisogna ricordarsi sempre che oggi stiamo meglio di ieri. Siamo cresciuti e anche se si cresce allo 0,1 non stiamo peggio di ieri ma stiamo meglio”.

Misure come flat tax, il rilancio delle pmi, delle infrastrutture potrebbe essere un viatico per avere maggiore tolleranza rispetto agli sforamenti previsti da Bruxelles. “Si aprirà un negoziato, ovviamente più andiamo meglio, più cresce l’economia più non c’è bisogno di sforare niente. Devo dare fiducia a chi vuole investire in Italia questo è il punto fondamentale”, conclude Tria.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.