fbpx

9 Luglio 2019

Pressing Salvini, su manovra-migranti scontro con Conte

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Michele Esposito – Manovra, Autonomie, migranti: le tensioni M5S-Lega prima dell’arrivo del fatidico 20 luglio – data oltre la quale si chiude al finestra elettorale di settembre – si orientano su questa triplice direttiva. E in tutti e tre i punti è Matteo Salvini a mettere in campo un costante pressing sia sull’alleato Luigi Di Maio, sia sul premier Giuseppe Conte.

Sulla manovra, in particolare, lo scontro tra il leader della Lega e il premier è aspro. Salvini annuncia un incontro per lunedì prossimo con i principali operatori economici del Paese, facendo pensare a un suo nuovo tentativo di blitz sulla Flat tax. La reazione di Conte non si fa attendere. “La manovra si fa nelle sedi istituzionali con il premier e tutti i ministri“, avvertono da Palazzo Chigi mentre fonti di maggioranza spiegano come Conte si sia fatto sentire direttamente con il vicepremier. Ponendo un tema, già altre volte caro al premier: quello di evitare “sgrammaticature istituzionali“.

“Sono il vicepremier, farò l’incontro”, afferma Salvini parlando poi in una trasmissione televisiva. Non sono solo i conti a surriscaldare il già bollente luglio giallo-verde. Sui migranti, dopo giorni di botta e risposta tra Salvini e il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, Conte decide di prendere il pallino del gioco e convoca, per mercoledì, tutti i ministri competenti a Palazzo Chigi. “È urgente coordinare le iniziative dei ministri competenti per evitare sovrapposizioni o malintesi che danneggerebbero l’azione del governo”, scrive il premier in una lettera inviata ai ministri.

Del resto, sul tema migranti, il pressing di Salvini è altissimo e, non a caso, già ieri in serata il M5S prova ad accelerare sui tempi presentando ufficialmente un suo emendamento per la confisca delle navi al loro primo ingresso – e non più in caso di reiterazione – prevedendo l’uso delle navi sequestrate da parte della Polizia e delle Capitanerie di porto. Oggi, però, si rischia che il termine per gli emendamenti, previsto per le 15, slitti: in ballo c’è il nodo delle sanzioni alle navi che soccorrono, che la Lega vuole inasprire ma sul quale c’è più di una contrarietà nel M5S.

A Palazzo Chigi, ieri nel pomeriggio, è andata in scena l’ennesima riunione-fiume sulle Autonomie. La novità è che, rispetto a qualche settimana fa, M5S e Lega sul tema hanno cominciato davvero a dialogare. Ma i tempi restano lunghi, i nodi sono diversi e la possibilità che la riforma sia emendabile in Parlamento ormai viene presa in considerazione anche dalla Lega. Alla riunione, nella quale non vengono toccati i temi finanziari (con Giovanni Tria impegnato all’Eurogruppo) è il nodo-scuola ad emergere. La possibilità delle assunzioni dirette dei docenti e di fare concorsi regionali trova un muro, oltre che nei sindacati, anche nel M5S, secondo cui così di creano “scuole di sera A, B e C”. E il sottosegretario Salvatore Giuliano ricorda ai leghisti come la norma sia incostituzionale: già nel 2013, infatti, la Consulta bocciò la proposta contenuta in una legge regionale lombarda.

Più vicina, invece, l’intesa sulle concessioni di Autostrade e Ferrovie. Le grandi reti di trasporto, spiegano dal Mit, dovrebbero restare nazionali così come la proprietà degli asset. E dal Movimento insistono su un punto: i livelli essenziali di prestazione vanno garantiti a tutti, così come va messo in campo il Fondo di Perequazione. Giovedì, alle 8:30, Conte, Lega e M5S si rivedranno. Ma l’impressione è che neanche questa possa essere la riunione definitiva. “Ci sono passi avanti, si procede a oltranza”, assicura il ministro per gli Affari Regionali. “Si deve fare ma si deve fare bene”, frena Di Maio mentre sulla Lega è costante il pressing dei governatori del Nord e anche di una parte di FI. Giovedì se ne riparlerà, prima di un Cdm dove Salvini potrebbe chiedere di formalizzare la nomina del ministro degli Affari Ue.

E poi c’è la Flat tax, che il Vicepremier promette agli italiani (al 15%, per il ceto medio) con tanto di contratto in tv “alla Berlusconi” e sulla quale il leader leghista difficilmente ammetterà deroghe. Ma le difficoltà non mancheranno. “Sono sempre stato convinto che l’imposizione fiscale vada riequilibrata riducendo la fiscalità diretta a favore delle imposte indirette”, spiega Tria da Bruxelles, accennando ad un tema non nuovo dalle parti del governo: per fare la flat tax che ha in mente la Lega si rischia di aumentare l’Iva.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.