fbpx

Salvini attacca M5S su Gronda Genova. Toninelli: analisi costi benefici in arrivo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Continuano le schermaglie mediatiche tra il Carroccio e il movimento 5 Stelle attorno alla costruzione delle grandi opere. A pochi giorni dall’anniversario della tragedia del Ponte Morandi, l’attenzione delle parti si sposta sulla Gronda di Genova e il vicepremier Matteo Salvini che il 14 sarà nel capoluogo ligure ne approfitta per una stoccata al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. “Sarò lì anche per accelerare sulle opere pubbliche bloccate – ha detto – Penso alla Gronda di Genova, al pezzo di autostrada che deve portare fuori automobili e camion dal centro della città e anche su questo il ministro Toninelli continua con e sì e no, forse, vediamo”.

Ma sul tema non tarda ad arrivare la risposta di Toninelli che puntualizza: “sta arrivando, spero a giorni l’analisi costi benefici“, anticipa a margine di un convegno alla Camera sul decreto Sblocca Cantieri, convinto che poi “si faranno tanti miglioramenti, per renderla molto migliore e penso con un grandissimo risparmio di risorse”. E aggiunge: “apriremo un tavolo come abbiamo fatto con il passante di Bologna con tutte le istituzioni coinvolte e tutti i tecnici del ministero a disposizione. Mettiamo tutte le informazioni e faremo qualsiasi miglioramento sarà possibile”.

Ma l’attacco di Salvini è su più fronti: “il Tav serve, anche per inquinare di meno – aggiunge – Non è più il tempo dei no, sì alle ferrovie che uniscono il paese da nord a sud, voglio un’alta velocità che da Torino arrivi a Bari”, afferma il vicepremier leghista che, in diretta Facebook, torna a ribadire la sua posizione sul Tav. “No – conclude – non è più tempo di no”.