fbpx

Unipol: utile +14,9%, firmato accordo per 750 uscite

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nel primo semestre del 2019 l’utile di Unipol cresce del 14,9% rispetto allo stesso periodo del 2018, per un ammontare complessivo di 740 mln di euro. A fare da ‘leva’ positiva il consolidamento a patrimonio netto della quota del 19,9% in Bper. L’utile normalizzato, si legge in una nota, ammonta a 353 mln (+13,3%). Aumenta del 18,5% a 7,3 mld la raccolta assicurativa, migliora da 95,1% a 94,6% il combined ratio, indicatore della redditività della gestione tecnica, e da 163% a 165% l’indicatore di solidità patrimoniale solvency ratio.

La raccolta diretta nel ramo danni è stata pari a 4.109 mln (+2,6%), grazie alla spinta del comparto Non Auto (+5,8% a 1.958 mln) grazie soprattutto ad un significativo sviluppo del ramo Malattia (+18%). Nel comparto Vita la raccolta diretta è balzata a 3.185 mln (+48,4% a parità di perimetro), spinta dalla raccolta diretta di UnipolSai (+51,8% a 2.327 milioni), grazie anche alla ottima performance nei fondi pensione, mentre nel canale di bancassicurazione Arca Vita ha visto la raccolta crescere del 42,2% a 811 mln.

La gestione immobiliare continua ad essere incentrata nelle attività di riqualificazione, alla ricerca di occasioni di valorizzazione o all’utilizzo strumentale. Il risultato ante imposte è in rosso per 26 mln, in miglioramento rispetto ai -48 mln del 2018. UnipolReC, la controllata che gestisce crediti deteriorati, ha registrato un utile di 10 mln e chiude il semestre con un calo di 191 mln di crediti deteriorati lordi sui quali ha incassato 59 mln (31% del loro valore lordo). Per quanto riguarda la gestione degli investimenti finanziari, la redditività lorda del portafoglio ha reso il 3,5% degli asset investiti.

Mentre cala l’utile netto della controllata UnipolSai, per la quale il gruppo Unipol ha sottoscritto con tutti i sindacati un accordo mirato a incentivare l’uscita di 750 dipendenti. Un ‘Fondo di Solidarietà’ e altre forme di incentivazione per spingere 750 dipendenti in possesso di specifici requisiti a un’uscita anticipata. L’intesa, che riguarda appunto i dipendenti della controllata UnipolSai, prevede anche politiche attive per l’occupazione che riguardano la valorizzazione delle risorse umane e l’assunzione di circa 300 risorse con nuove competenze, allo scopo di contribuire allo sviluppo e alla evoluzione del gruppo.

UnipolSai ha chiuso il primo semestre dell’anno con un utile netto di 376,8 mln di euro, in calo del 41,7% rispetto allo stesso periodo del 2018, quando il gruppo aveva beneficiato della plusvalenza legata alla cessione di Popolare Vita. L’utile normalizzato, si legge in una nota, sale del 7,4% a 377 mln. In crescita del 18,5% a 7,3 mld la raccolta assicurativa, di cui 4,1 mld nel ramo danni (+2,6%) e 3,2 mld (+48,4%) nel ramo vita. Il combined ratio risolta in miglioramento dal 95,1 al 94,6% mentre l’indice di solvibilità individuale (solvency ratio), indicatore della solidità patrimoniale, sale dal 253 al 264%.