3 Settembre 2019

Ecosistemi digitali made in Ue. Huawei vuole investire

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Perché l’Europa non costruisce un proprio ecosistema digitale? A chiederselo sono i vertici di Huawei. Forse non a conoscenza del fondo sovrano da 100 miliardi di euro che i vertici Ue sono intenti a istituire proprio per finanziare i colossi europei nei settori strategici, Eric Xu, chairman del gigante della telefonia cinese, si è detto disposto a promuovere l’assetto di un simile ‘ecosistema’ nei Paesi Ue: “per noi è altamente prioritario sostenere le imprese europee nella costruzione dei propri ecosistemi. Siamo pronti a fare investimenti a lungo termine”, afferma in un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano economico tedesco Handelsblatt.

“Gli Stati europei parlano da anni di sovranità digitale. Perché non costruiscono allora un proprio ecosistema per smartphone e dispositivi intelligenti?”, si chiede. “Se l’Europa avesse un proprio ecosistema del genere, Huawei lo userebbe“, aggiunge.

Alla domanda se Huawei abbia già preso contatti con aziende con cui lavorare Xu risponde: “con alcune. Ma non posso fare i nomi”. Mentre rispetto alla guerra commerciale con gli Usa e la pressione del presidente Donald Trump, Eric Xu sostiene di non essere affatto preoccupato: “possiamo cavarcela con la produzione anche senza componenti Usa”. “Siamo autarchici quanto basta. Se non lo fossimo, saremmo andati in bancarotta da un po’” prosegue il chairman di Huawei su HB.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.