20 Settembre 2019

All’altezza del compito: la storia di Leah Busque e TaskRabbit

Dinah Eng

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Leah Busque ha facilitato l’esternalizzazione di piccoli lavori e commissioni creando TaskRabbit. Ecco come ha costruito la piattaforma web che ha contribuito a dare vita alla gig economy.

Quando avevo 8 anni chiesi a mio padre quale fosse il ruolo più alto in una società, e lui mi disse: “è il Ceo”. Quello è stato il momento in cui ho deciso quello che volevo essere. Iniziai così un programma di riciclaggio nella scuola elementare che frequentavo e aprii un ufficio nel nostro seminterrato, dove ero l’amministratore delegato. 

Quando arrivò il momento di andare al college, decisi di specializzarmi in informatica e matematica, scegliendo danza come materia complementare. Mi laureai nel 2001 al Sweet Briar College in Virginia, dove cominciai a lavorare per una startup che, nel giro di poco tempo, venne inglobata da IBM. Ho lavorato sui servizi per la messaggistica, per circa sette anni. E ho imparato come si fa a creare un software che viene utilizzato tutti i giorni in tutto il mondo. 

Come ingegnere, ero appassionata di tecnologia. All’inizio del 2008, non c’erano ancora gli App Store di Apple. Vivevo a Boston con quello che poi sarebbe diventato mio marito Kevin, e avevamo un Labrador miele di 45 kg. Una sera ci stavamo preparando per andare a cena, quando realizzammo che avevamo finito il cibo per cani. Pensai che sarebbe stato bello trovare qualcuno che mi aiutasse, magari qualcuno che era al negozio proprio in quel preciso momento. 

Presi il mio iPhone e digitai RunMyErrand.com. Non esisteva alcun servizio. Il nome del dominio era disponibile, così lo comprai subito. Vidi il potenziale di mettere insieme le tecnologie mobile e di localizzazione emergenti, con il social graph (la mappatura delle persone con cui siamo in contatto sul web) e decisi di costruire una piattaforma per quello che ribattezzai networking di servizi.

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre.

Puoi abbonarti al magazine in versione cartacea oppure puoi accedere alla versione digitale.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.