10 Ottobre 2019

Unicredit prima in Italia a trasferire tassi negativi ai clienti

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

A partire dal 2020 Unicredit sarà la prima banca italiana a trasferire sui clienti i tassi d’interesse negativi. Ma tale misura verrà adottata solo per “i clienti con depositi ben al di sopra di 100 mila euro”. Così il Ceo del Gruppo Jean Pierre Mustier, in un’intervista con BFM Business Tv spiega che Unicredit si aggiungerà ad un crescente numero di banche europee che stanno iniziando a trasferire i costi dopo cinque anni di tassi negativi. Ma precisa che “offriremo ai clienti soluzioni alternative ai depositi come ad esempio investimenti in fondi di mercato monetario senza commissioni e obiettivi di performance in territorio positivo/0+”.

La berlinese Volksbank, la seconda più grande banca cooperativa tedesca ha iniziato ad applicare un tasso del -0,5% su depositi superiori a 100.000 euro. Mentre la danese Jyske Bank addebita lo 0,75%. Le banche italiane hanno resistito a lungo a trasferire i costi dei tassi negativi alla clientela, preoccupate dello svantaggio competitivo e del rischio che i clienti trasferiscano il contante altrove. Gli istituti nel Paese hanno risposto alla politica di tassi negativi della Bce incrementando le spese e le commissioni.

La scorsa settimana Mustier in qualità di presidente dell’Ebf, l’Abi delle banche europee, ha sottolineato che “è importante che la Bce dica alle banche ‘per favore passate i tassi negativi ai vostri clienti’ in un modo o nell’altro, proteggendo naturalmente i piccoli clienti con depositi inferiori ai 100 mila euro”. Il banchiere ha indicato anche che “sarebbe estremamente importante che i tassi negativi non si fermassero nei bilanci bancari” così da non inceppare “quello che i banchieri centrali chiamano meccanismo di trasmissione”. La Bce lo scorso mese ha tagliato i tassi sui depositi a -0,50% dal -0,4% rendendo ancora più costoso per gli istituti parcheggiare la propria liquidità presso l’Eurotower.

Nel frattempo prosegue la messa a punto della squadra al vertice di Unicredit che sarà chiamata con Mustier a realizzare il prossimo nuovo piano. Il gruppo bancario annuncia la nomina di Cédric Derras, finora Global Head di Cash Management, a responsabile Corporate & Investment Banking per l’area Middle East e Africa. Al tempo stesso Raphael Barisaac ed Emmanuel De Rességuier sono stati indicati come Global Co-Head di Cash Management. Tutte e tre le nomine hanno effetto immediato, con Derras che risponde direttamente ad Alfredo Maria De Falco, Head di CIB Italy e Deputy Head di CIB con supervisione della rete internazionale di UniCredit. Barisaac e De Rességuier rispondono invece a Luca Corsini, Head di Global Transaction Banking.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.