9 Gennaio 2020

Il disastro aereo in Iran e la saga infinita dei Boeing 737

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Phil Boucher – Un aereo Boeing gestito da Ukraine International Airlines è precipitato mercoledì alle porte di Teheran, in Iran, uccidendo tutte le 176 persone a bordo. La causa dell’incidente non è chiara. In una dichiarazione, Boeing ha definito l’incidente un evento tragico. “Siamo in contatto con i nostri clienti delle compagnie aeree e li assistiamo in questo momento difficile”, ha affermato l’azienda. “Siamo pronti ad assistere in qualsiasi modo necessario”.

L’incidente si inserisce nella crisi aziendale che ha accompagnato Boeing per circa 14 mesi. È il terzo incidente mortale di un velivolo Boeing dalla fine del 2018. L’aereo nell’incidente di mercoledì, il Boeing 737-800, appartiene alla stessa famiglia del 737 Max, ora a terra, coinvolto nei due incidenti precedenti, ma gli esperti dell’aviazione fanno una distinzione tra i modelli.

Il 737-800 fa parte dei Next-Generation (o NG) 737 che sono stati introdotti negli anni ’90 con maggiore apertura alare, cabine di pilotaggio in vetro migliorate e interni modernizzati. Il 737 Max, nel frattempo, è classificato come un 737 di ‘quarta generazione’, perché il suo design include sottili modifiche per ospitare motori più efficienti dal punto di vista energetico. I due fatali incidenti del 737 Max – un volo Lion Air nell’ottobre 2018 e un volo Ethiopian Airlines nel marzo 2019 – sono arrivati ​​all’inizio della vita del modello; è stato introdotto solo nel 2017. I 737NG, di cui il 737-800 è una variante, sono ‘muli’ collaudati che hanno trasportato miliardi di passeggeri in tutto il mondo. E fino a mercoledì, rappresentavano un fiore all’occhiello, per Boeing.

“È l’aereo di maggior successo nella storia dell’aviazione”, ha dichiarato l’esperto David Learmount di FlightGlobal.

In tutto, fino a febbraio 2019, oltre 4.900 modelli del 737-800 sono stati consegnati alle compagnie aeree mondiali, che vanno dai vettori legacy come American Airlines e British Airways alla RyanAir. Sulla scia della messa a terra del 737 Max che seguì i due incidenti mortali, il 737-800 ha anche svolto un ruolo vitale nel fornire capacità per l’industria dei viaggi globale per la semplice ragione che senza nuovi 737 Max ad entrare in servizio, le compagnie aeree hanno dovuto tenersi strette i loro 737-800 per molto più tempo del previsto. “È una macchina robusta e affidabile con un grande fascino per i passeggeri”, afferma Saj Ahmad, capo analista di Strategic Aero Research.

Anche le società di leasing lo adorano. “Anche a lungo termine il suo valore si deprezza molto più lentamente rispetto ad altri aerei concorrenti della sua categoria”, afferma Ahmad. È soggetto a un “forte tasso di leasing a causa della richiesta delle compagnie aeree. Molte compagnie aeree rinnovano i contratti di locazione e, in alcuni casi, acquistano direttamente gli aerei alla fine di un contratto se decidono di non estendere”, afferma Ahmad. “In breve, rappresentano un magnifico business per Boeing”, ha detto Ahmad.

Allo stesso tempo, il 737-800 non ha un record di sicurezza immacolato. Secondo la Aviation Safety Network, il 737-800 coinvolto nell’incidente di mercoledì è stato consegnato all’Ukraine International Airlines a luglio 2016. È solo una delle oltre 7.000 varianti degli aerei 737NG che sono state in servizio per 20 anni. Secondo i dati Boeing, sette dei velivoli sono stati coinvolti in incidenti mortali. Quel totale comprende un incidente dell’Ethiopian Airlines del gennaio 2010, in cui 90 persone sono morte poco dopo il decollo a Beirut, e un aereo della Kenya Airways che ha avuto un destino simile nel maggio 2007, poco dopo aver lasciato Douala in Camerun, uccidendo 114 persone. Come per l’incidente di mercoledì vicino a Teheran, gli aerei si sono schiantati poco dopo il decollo, sebbene – a differenza di Teheran – siano decollati entrambi con il brutto tempo. Le indagini ufficiali sui due incidenti hanno attribuito la colpa all’errore del pilota, con il pilota e il copilota di Ethiopian Airlines che, si stimò al tempo, prima dell’incidente lavoravano da 51 giorni consecutivi.

Più di recente, un 737-800 è stato coinvolto nello schianto di marzo 2016 di un volo FlyDubai nella città russa di Rostov sul Don, che ha ucciso tutte le 62 persone a bordo. Nel settembre 2018, un 737-800 è stato anche coinvolto in un incidente mortale in Micronesia, quando un volo Air Niugini ha colpito la pista e si è fermato in una laguna vicina, uccidendo un passeggero.

Tutto sommato, quegli incidenti rappresentano una piccola frazione dei milioni di voli di successo realizzati dall’aeromobile.

“Il primo [737] volò nel 1967, ed è ancora in produzione ora nella sua variante Max”, afferma Learmount.

Ahmad afferma che l’incidente di mercoledì deve essere “osservato in modo isolato”, il che significa che non dovrebbe necessariamente essere legato alla saga degli 737 Max. MA è difficile non collegare la vicenda alla crisi che ha afflitto Boeing. L’ex CEO Dennis Muilenburg ha perso il lavoro a causa dello scandalo; in effetti, il suo sostituto ad interim era sul posto di lavoro quando il volo UIA è andato giù. La sostituzione permanente inizia lunedì prossimo. Allo stesso tempo, naturalmente, lo schianto di mercoledì vicino a Teheran è ancora più unico, considerando che si è verificato durante l’escalation di tensione tra Iran e Stati Uniti, il che complica la caccia a una causa definitiva.

 

boeing 737 iran
January 8, 2020, Tehran, Iran: Debris is seen from a plane crash on the outskirts of Tehran as search and rescue works are conducted at the site after a Boeing 737 plane belonging to a Ukrainian airline crashed near Imam Khomeini Airport in Iran just after takeoff with 176 people on board. All 176 people onboard the Ukrainian 737 plane that crashed near Iran’s capital Tehran early Wednesday have died, according to a state official. (Credit Image: © Rouzbeh Fouladi/ZUMA Wire)

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.