21 Gennaio 2020

In Italia gli stipendi sono fermi. Tranne quelli digital

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

In Italia gli stipendi crescono poco, e raramente per motivi legati alla performance in ufficio. Con un’eccezione: i lavori del settore digital. Dagli sviluppatori agli esperti di cyber security, per loro gli aumenti di stipendio, nell’ultimo anno, sono stati spesso in doppia cifra. L’analisi la fornisce l’Osservatorio sulle politiche retributive di Willis Towers Watson – società leader nella consulenza, nel brokeraggio e nell’offerta di soluzioni alle imprese e alle istituzioni – con uno studio condotto su un campione di circa 400 aziende italiane di medie o grandi dimensioni, per un totale di circa 180mila dipendenti.

Nel 2019, per lo studio, i salari dei lavoratori dipendenti italiani sono cresciuti in media del 2,5%, confermando il trend degli ultimi quattro anni e in linea con gli altri paesi dell’Europa occidentale. Tenendo in considerazione l’incidenza del tasso di inflazione, la crescita reale delle retribuzioni nel 2019 è stata dell’1,6%, pari a quella del 2018. Un dato che conferma un periodo di stagnazione del mercato del lavoro che dura ormai da oltre un triennio.

“Nel mondo del lavoro italiano continua a prevalere un clima di cautela”, sottolinea Edoardo Cesarini, l’ad di Willis Towers Watson Italia. “Le basse percentuali di crescita registrate negli ultimi anni dimostrano che le retribuzioni aumentano solo prevalentemente per effetto di elementi fisiologici, come scatti di anzianità e aumenti contrattuali, e non per premiare le performance”, aggiunge.

L’eccezione è data, appunto, dalle professionalità digital che, con una crescita media dell’8% della Retribuzione Totale Annua (Rta), hanno registrato nell’ultimo anno un aumento delle retribuzioni a doppia cifra. Gli esperti di test e controllo dei processi digitali e di Cyber Security hanno infatti visto aumentare la propria Rta del 19%, quanti operano nel social media marketing del 14% e gli sviluppatori di applicazioni del 13%.

Le differenze negli altri settori di attività sono invece minime: leggermente sopra la media la crescita dei salari nel Farmaceutico (2,6) e nei Servizi finanziari (2,6), leggermente sotto le retribuzioni nell’Energia/Oil&Gas (2,4) con previsioni al ribasso (2,3) anche per il 2020.

“È naturale che le professionalità più ricercate, come alcune tra quelle legate ai processi di trasformazione digitale, abbiano registrato incrementi a doppia cifra – aggiunge Rodolfo Monni, responsabile indagini retributive di Willis Towers Watson – La domanda in questi ambiti è infatti superiore all’offerta e la ‘guerra dei talenti’ tra le aziende influisce sulla crescita dello stipendio”.

L’Osservatorio evidenzia anche quanta strada ci sia ancora da compiere per colmare il gender pay gap. In media le donne percepiscono una remunerazione totale inferiore del 29% a quella degli uomini e resta molto ampio anche il divario nella presenza di uomini e donne ai vertici aziendali: solo il 15% delle donne che lavorano ricopre, infatti, ruoli executive e solo il 27% ruoli manageriali.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.